ETF, la fotografia del mercato statunitense

ETF, ETF, la fotografia del mercato statunitense
Luke Michael, foto concessa (Unsplash)

Gli Stati Uniti sono il mercato per eccellenza degli ETF. A fine 2021 aveva investito 6,33 mila miliardi di euro in questi prodotti. È il volume più alto mai raggiunto da questi veicoli.

Sono i dati di ETFGI, società indipendente di consulenza e analisi specializzata in ETF fondata da Deborah Fuhr, da cui emerge che lo scorso anno i fondi quotati hanno registrato negli Stati Uniti una raccolta netta per 808 miliardi di euro. Due terzi di questi afflussi netti sono stati veicolati da prodotti azionari.

In percentuale, la crescita degli asset rispetto all'anno precedente è stata del 32 per cento. Il patrimonio netto è aumentato di 1,53 mila miliardi. Praticamente metà della crescita registrata nel 2021 dall'industria americana degli ETF è avvenuta tramite i depositi, mentre l'altra metà si spiega con l'andamento favorevole dei mercati. Questi afflussi rappresentano una forte accelerazione rispetto al 2020, quando gli afflussi erano circa 440 miliardi.

Se in Europa circa due terzi degli asset sono nelle mani di tre entità, negli Stati Uniti la concentrazione è ancora maggiore. I tre principali provider accentrano il 78,5% del capitale. In questo senso, iShares (BlackRock), con 2,16 mila miliardi e una quota di mercato del 34,2%, Vanguard, con 1,83 mila miliardi e un pezzo della torta del 28,8% e State Street Global Advisors, con quasi mille miliardi (15,4% del totale) sono i grandi attori del mercato a stelle e strisce degli ETF.