Europa: i due scenari che renderebbero inevitabile una recessione

Investimenti europa, Europa: i due scenari che renderebbero inevitabile una recessione
Nejc Soklic (Unsplash)

Nelle ultime settimane, l'attenzione del mercato ha iniziato a spostarsi dall'alta inflazione nelle economie sviluppate alla possibilità di una recessione generale. "Guardando agli ultimi anni, il mercato tende a pensare che una recessione sia imminente per giustificare la sottoperformance degli asset rischiosi. Gli esempi più significativi sono stati il periodo tra il quarto trimestre del 2015 e il primo trimestre del 2016 e il quarto trimestre del 2018. Ma l'unica volta che il mondo è entrato in recessione dopo la crisi finanziaria globale è stato, di fatto, in un momento in cui nessuno 'stava contemplando un simile scenario' (ovvero prima del COVID)", ricorda Ario Emami Nejad.

Quando il gestore del reddito fisso europeo investment grade di Fidelity International pensa al mercato futuro, ci sono due scenari chiaramente differenziati in cui potremmo assistere a una recessione:

1. Stretta monetaria eccessiva delle banche centrali

Il primo si verificherebbe nel caso in cui le banche centrali dei mercati sviluppati diano priorità alla riduzione dell'inflazione rispetto alla crescita attraverso il rialzo dei tassi di interesse. In questo caso l'esperto ritiene che si possa immaginare uno scenario in cui le banche centrali spingano il mondo verso una profonda recessione nel tentativo infruttuoso di controllare l'inflazione. "Il motivo principale è che gran parte dell'inflazione elevata è dovuta agli alti prezzi dell'energia e delle materie prime (soprattutto in Europa), che le variazioni dei tassi di interesse non possono risolvere", spiega.

La domanda è se questo scenario sia realizzabile. Nejad ritiene che le banche centrali, di fronte alla scelta tra inflazione e crescita, finiranno per optare per quest'ultima, nonostante il discorso restrittivo che hanno tenuto finora. "Spingere un'economia in una profonda recessione è contrario all'obiettivo di controllo dell'inflazione a medio termine di qualsiasi banca centrale", avverte.

Ad esempio, se la Bce spingesse l'Europa verso la recessione aumentando eccessivamente i tassi di interesse, la regione avrebbe di conseguenza bisogno di una risposta monetaria e fiscale importante. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, ritiene probabile che la Fed cerchi di aumentare il tasso di federal funds a circa il 2,5% il prima possibile. "E non c'è motivo di pensare che gli Stati Uniti non siano in grado di gestire un simile aumento", afferma.

2. La Russia taglia le forniture di gas all'Europa

Il manager non ha dubbi: se la Russia decide di punire l'Europa tagliando le forniture di gas, la regione sprofonderà nella recessione. "La Germania, in quanto grande importatore di gas russo, potrebbe subire un calo del PIL tra il 2% e il 5% in un simile scenario. Inoltre, se il Paese entra in recessione, è molto probabile che lo faccia anche il resto dei Paesi dell'UE", dice. "Tuttavia, in questo scenario, potremmo assistere a una recessione regionale piuttosto che globale, poiché sembra improbabile che gli Stati Uniti e la Cina siano sostanzialmente colpiti".

A suo avviso, questa perturbazione è uno dei pochi scenari in cui si assisterebbe a una risposta significativa sotto forma di spesa pubblica in tutta Europa. "In uno scenario del genere, è probabile che i Paesi utilizzino la tabella di marcia utilizzata durante l'emergenza COVID e cerchino di utilizzare i conti pubblici per proteggere l'economia domestica e aziendale. La risposta dei singoli Paesi potrebbe essere molto rapida. Riteniamo inoltre che ci sarà una risposta a livello europeo, sulla falsariga del fondo Next Generation dell'UE per affrontare la crisi COVID, anche se potrebbe richiedere ancora qualche mese per concretizzarsi".

Se i due scenari sopra descritti non dovessero realizzarsi, Nejad ritiene difficile credere che l'economia globale, data la sua attuale stabilità, si stia dirigendo verso una recessione significativa. "Dall'inizio dell'anno, visto che gli stimoli fiscali si stanno esaurendo nei mercati sviluppati, pensiamo che la crescita sarà probabilmente debole in Europa e anche negli Stati Uniti, e che quindi il contesto in cui ci troviamo è di stagnazione piuttosto che di profonda recessione", conclude.