Fed: continuano i rialzi, ma probabile ritmo più lento. Le reazioni dei gestori internazionali

Jerome Powell Fed News
Immagine concessa (Federal Reserve)

Come previsto. Nuovo rialzo dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense. Il sesto dell'anno e il quarto negli ultimi cinque mesi. E di 75 punti base, che va a collocare il prezzo del denaro in una fascia compresa tra il 3,75% e il 4%. La decisione è stata presa all'unanimità dai membri dell'autorità monetaria con l'obiettivo di combattere l'inflazione. Fin qui nulla di eccezionale. Ma c’è una novità: pur prevedendo ulteriori rialzi, la Fed ha lasciato aperta la possibilità che questi avvengano a un ritmo più lento rispetto a quanto avvenuto finora.

Come sottolinea Christian Scherrmann, economista statunitense di DWS, Jerome Powell ha riconosciuto un rallentamento dell'attività economica rispetto allo scorso anno. Inoltre, ha commentato che le condizioni finanziarie si stanno restringendo "parecchio", il che potrebbe essere interpretato come una convinzione da parte dei banchieri centrali che le loro azioni si stiano dimostrando efficaci. Ha inoltre ribadito la nota idea che i rialzi dei tassi hanno bisogno di tempo per mostrare il loro pieno effetto.

“La conferenza stampa è stata una danza di tip tap, segnata da una grande indecisione. La traiettoria dei rialzi sarà il focus d’ora in avanti: la Fed potrebbe decidere di modificare il percorso di rialzi nella riunione di dicembre e prolungarlo oltre il 1° trimestre del 2023. Powell ha infatti dichiarato esplicitamente che l'attesa di una pausa nel ciclo di rialzi della Fed è prematura. Ciò spingerà potenzialmente il tasso terminale oltre il 5%. Il mercato valuta ora la probabilità di un rialzo di 50 punti base a dicembre al 65%, rispetto al 44% precedente”, rivela Jon Maier, chief investment officer di Global X.

Secondo Paul O'Connor, responsabile Multi-Asset di Janus Henderson, i prezzi dei futures indicano che la Fed aumenterà i tassi di circa 50 pb a dicembre e di un importo simile nel 1° trimestre 2023, fino a un picco di circa il 5%.

In base a ciò, la banca centrale si sta chiaramente avvicinando al punto in cui ci si deve chiedere quanto debbano essere alti i tassi. Ma come si può esser certi che la Fed si stia avvicinando al picco dei tassi e a un possibile cambiamento di politica? Secondo gli esperti dei gestori patrimoniali internazionali, bisogna prestare attenzione a tre segnali.

Primo segnale: inflazione in discesa

Secondo Keith Wade, capo economista di Schroders, l'inflazione IPC sembra aver raggiunto un picco del 9,1% su base annua a giugno e si è attestata all'8,2% a settembre. L'inversione di tendenza è stata in gran parte dovuta al rallentamento dell'inflazione dei prezzi delle materie prime, con i prezzi della benzina che sono scesi sotto i quattro dollari al gallone.

Guardando avanti, ci aspettiamo una moderazione dell'inflazione, poiché la debolezza della domanda limita la capacità delle imprese di trasferire gli aumenti dei costi. Il rallentamento della crescita globale dovrebbe inoltre pesare sui prezzi delle materie prime. Nel frattempo, uno dei principali fattori di aumento dell'inflazione di fondo, il costo degli alloggi, dovrebbe ridursi con il rallentamento del mercato immobiliare”, spiega Wade.

Secondo segnale: indebolimento del mercato del lavoro

Secondo l'esperto, la chiave per un calo sostenuto dell'inflazione di fondo è l'indebolimento del mercato del lavoro, che finora è rimasto resistente di fronte al rallentamento della crescita di quest'anno. Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5% a settembre (ben al di sotto delle stime di equilibrio del 4,5%), le buste paga continuano a crescere e, sebbene le offerte di lavoro siano leggermente diminuite, ci sono ancora quasi due posti vacanti per ogni disoccupato. Il mercato del lavoro rimane rigido.

Un fattore che ha esacerbato il problema è stato il calo del tasso di partecipazione alla forza lavoro, poiché molti lavoratori hanno deciso di non tornare sul mercato del lavoro in seguito alla pandemia. I pensionamenti e i congedi di lunga durata hanno svolto un ruolo importante, e il tasso di partecipazione rimane dell'1,1% al di sotto dei livelli pre-crisi, pari a 1,8 milioni di lavoratori. Secondo l'economista di Schroders, una maggiore partecipazione contribuirebbe ad alleviare la carenza di offerta, ma nel frattempo i salari sono in aumento e aumentano la pressione sui costi.

Terzo segnale: crescita economica al di sotto del trend

Nel comunicato della Fed si legge che, nel determinare il ritmo dei futuri aumenti, "il Comitato terrà ora conto dell'inasprimento cumulativo della politica monetaria, dei ritardi con cui la politica monetaria influisce sull'attività economica e sull'inflazione e gli sviluppi economici e finanziari”. Quest'ultima frase indica un importante distacco dal messaggio di settembre. "Una crescita economica inferiore al trend attuale è la terza condizione necessaria affinché la Fed dichiari la fine del ciclo di rialzo dei tassi", afferma Jack Janasiewicz, fund manager e strategist di Natixis IM Solutions.

Negli Stati Uniti, gli ultimi dati indicano una ripresa dell'economia nel terzo trimestre, con un aumento del PIL del 2,6% (trimestre su trimestre annualizzato) dopo un calo dello 0,6% nel secondo trimestre. Tuttavia, la ripresa del PIL è stata in gran parte dovuta al rimbalzo delle esportazioni nette, grazie all'allentamento delle strozzature delle catene di fornitura, mentre la domanda interna sottostante è rimasta debole. L'allentamento delle catene di approvvigionamento ha contribuito e si è riflesso anche in una riduzione dei prezzi dei beni. Tuttavia, gli indicatori sulle imprese, come l'ISM, suggeriscono che si tratterà di un episodio isolato, poiché i livelli delle scorte sono ora in linea con la domanda dei consumatori. Nel frattempo, il mercato immobiliare, che ha sopportato il peso dell'inasprimento della politica monetaria, continua a rallentare bruscamente.

In questo contesto, Salman Ahmed, Global Head of Macro and Strategic Asset Allocation di Fidelity International, continua a vedere un'elevata probabilità di rischi di hard landing, avvicinandosi al 2023, mentre il ciclo di inasprimento della politica monetaria attraversa il sistema. “I nostri indicatori segnalano una probabilità di recessione del 55% entro la metà del prossimo anno. La riduzione del ritmo dell’aumento dei tassi di interesse sarà un passo importante per entrare nella ‘fase finale’ dell'inasprimento”, afferma.

Reazione confusa dei mercati

I mercati hanno reagito in maniera contenuta. "Le aspettative per il tasso sui Fed funds del prossimo dicembre sono scese di 15 punti percentuali al di sotto del 4,75%, i rendimenti dei Treasury USA a 2 anni sono scesi di 13 punti percentuali al 4,43% e i rendimenti a 10 anni sono scesi di 8 punti percentuali al 3,97%". Il dollaro si è deprezzato dello 0,9% rispetto a un paniere di valute e l'S&P 500 è salito dell'1,3%", ricorda David Page.

Tuttavia, quando il presidente della Fed ha spiegato che l'inasprimento della politica monetaria sarebbe stato probabilmente più lento, ma più elevato e più a lungo di quanto si pensasse, tutto ciò ha subito una brusca inversione di tendenza. "I rendimenti a due anni sono saliti di 3 punti percentuali al 4,59%, quelli a 10 anni sono saliti di 2 punti percentuali al 4,07%, il dollaro è ora più alto dello 0,5% rispetto a prima dell'annuncio e il mercato azionario statunitense è sceso dell'1,8%", spiega il responsabile dell'analisi macro di AXA IM.