Focus sul T. Rowe Price Global Value Equity Fund: equilibrio tra deep e defensive value

Fondi con Rating FundsPeople, Focus sul T. Rowe Price Global Value Equity Fund: equilibrio tra deep e defensive value
Andrew Clifton, immagine ceduta (T. Rowe Price)

Per Andrew Clifton, il value non è comprare a buon mercato, ma comprare aziende che non sono valutate correttamente dal mercato. "Quello che non piace ai mercati sono la paura e l'incertezza, e quando questi elementi si presentano puniscono duramente i titoli. Ed è qui che entriamo noi con la nostra analisi", spiega lo specialista di prodotto del T. Rowe Price Global Value Equity Fund. Questo fondo con Rating FundsPeople 2022 applica una filosofia value alle azioni globali.

Il primo passo del suo processo è capire il calo nella quotazione di un titolo. A cosa è dovuto. Il secondo è valutare se è qualcosa che può essere risolto. "Perché il grande problema del value è sempre stato cadere nelle trappole del valore", dice l'esperto di T. Rowe Price. È un rischio che è aumentato nell'ultimo decennio, caratterizzato da una vorace disruption nella maggior parte dei settori. "Per questo motivo analizziamo sia la probabilità che l'azione continui a cadere, sia il potenziale che aumenti di valore", spiega.

Questa filosofia, tuttavia, non si traduce in una visione del value più o meno aggressiva. Al contrario. All’interno dello stile di gestione del T. Rowe Price Global Value Equity Fund coesisteranno sempre scommesse più deep-value e idee più difensive. "È vero che il portafoglio si evolve con l'evoluzione del mercato e i pregiudizi si modificano, ma cerchiamo sempre di avere un equilibrio tra deep value e difensivo. Chi avrebbe potuto prevedere una pandemia o una guerra?", si domanda Clifton. In questo modo, sostiene, ottiene una performance più equilibrata di altre strategie value. Ciò significa che, anche se il suo benchmark è l'MSCI World, internamente si parametrano alla performance del value.

Il portafoglio del T. Rowe Price Global Value Equity Fund

E come viene tradotta in pratica questa filosofia? Il T. Rowe Price Global Value Equity Fund è attualmente sovrappeso ai settori finanziario, delle utilities e dell'energia (anche se in quest’ultimo caso solo leggermente). All'interno dei finanziari, l'esposizione è verso le banche e le compagnie assicurative, anche se l'allocazione alle prime è stata recentemente ridotta. Clifton spiega, perché le banche si sono rivalutate di più negli ultimi mesi mentre gli assicuratori hanno ancora un cuscino. "I rialzi dei tassi sono positivi per i titoli finanziari, purché non causino una recessione. E in questo momento è un rischio che non possiamo escludere completamente", sostiene.

Al contrario, sono sottopesati i beni di consumo discrezionali e la tecnologia. Infatti, la tecnologia è il loro maggiore sottopeso nel portafoglio. Questo non significa che il fondo eviti in ogni circostanza di investire nel settore. Per quanto ci sia la tendenza a pensarlo come una nicchia del growth.

Un cambiamento strutturale nel mercato

Ma questa visione più cauta risponde solo all'alta incertezza che il manager rileva a breve termine. Perché la sua visione a lungo termine è altamente positiva per il valore. Il team di gestione individua i fattori che favoriscono un cambio di regime nel mercato, una rotazione strutturale verso il valore. "L'ambiente politico sta cambiando. I tassi d'interesse sono in aumento e le banche centrali stanno chiaramente parlando di iniziare una stretta quantitativa", spiega Clifton. A questo si aggiunge il potenziale per un cambiamento di atteggiamento verso gli stimoli fiscali. Non c'è più quella pressione per l'austerità.

E a un livello più strutturale, l'agenda verde guiderà e ravviverà gli investimenti in infrastrutture, mentre i problemi con le catene di approvvigionamento durante la pandemia hanno portato a un elemento di de-globalizzazione.

Value dal punto di vista di un gestore growth

Clifton riconosce che i 200 miliardi di dollari di strategie value di T. Rowe Price possono essere una sorpresa, dato il profilo growth a cui il gestore statunitense è sempre stato associato. "A volte parliamo di noi stessi come del più grande gestore value che nessuno conosce", scherza. E per un certo periodo di tempo è stato sicuramente vero che le sue attività azionarie hanno avuto un'inclinazione predominante al growth. Ma quando il value è decollato negli anni '70 e '80, il business ha sofferto. Così negli anni '80 hanno lanciato il loro primo fondo value, focalizzato sul mercato azionario statunitense. Nel 2012 hanno ampliato la gamma con il fondo global value insieme ai focus sui mercati internazionali (ex-USA) ed emergenti.

Ciò che si mantiene è la filosofia di T. Rowe Price basata sul loro processo di analisi fondamentale: il fondo attinge idee dalla piattaforma di ricerca del gestore del fondo, con analisti specializzati per settore e industria. In particolare, il T. Rowe Price Global Value Equity Fund attinge alle migliori idee di portafoglio dei fondi value più regionali.