Fondi pensione, Covip detta nuove regole nel quadro Iorp II

Foto di Gerd Altmann, Pixabay

Trasparenza, semplificazione. Ma soprattutto digitalizzazione. Sono alcuni dei temi che la Commissione di vigilanza sui fondi pensione ha affrontato nelle nuove disposizioni, appena diffuse. Norme che ha emanato nel quadro regolatorio che completa il recepimento della direttiva Ue Iorp II. Si tratta delle “Istruzioni di vigilanza in materia di trasparenza” per i fondi pensione e del Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari. Due provvedimenti in corso di pubblicazione nella Gazzetta ufficiale, che entreranno in vigore in primavera, a partire dal 1° maggio 2021.

Contenuti semplificati

Nuove regole che stavolta puntano a semplificare (causa anche pandemia in corso) il rapporto con gli iscritti e i potenziali aderenti, nell’ottica di rafforzare l’intero sistema di previdenza complementare. In particolare, per quanto attiene alla nota informativa per i potenziali aderenti, i contenuti sono stati ridotti e semplificati anche in termini di linguaggio utilizzato. Un’operazione che non compromette comunque la possibilità di accedere a tutte le informazioni, in quanto sono state inserite indicazioni in merito a dove e come trovare ulteriori documenti e informazioni. Rivista anche la veste grafica, pensata in maniera più efficace e immediata per ciascun iscritto. Inoltre è stata prevista un’apposita appendice dedicata all’informativa sulla sostenibilità, tema ormai imprescindibile anche per la previdenza complementare, che sarà consegnata in fase di adesione.

Spazio al web

Cambia anche l’approccio con la tecnologia: Covip dedica grande attenzione alle disposizioni sui siti web e sull’utilizzo di tecnologie informatiche per semplificare e rendere più efficace la gestione dei rapporti con gli aderenti, nonché favorire la diffusione di documenti e informazioni utili. In particolare, sono stati definiti i contenuti dell’area pubblica e dell’area riservata dei siti web e, per la prima volta, sono state date indicazioni sulle modalità di realizzazione di quest’ultima.

L’adozione delle Istruzioni in materia di trasparenza ha reso poi necessario aggiornare anche il Regolamento Covip sulle modalità di raccolta delle adesioni. Necessario per esigenze di coordinamento e per tenere conto delle novità apportate alla disciplina in materia di collocamento dei fondi pensione.