Fund Manager Survey di agosto, la meno negativa da febbraio 2022

Unsplash

Un netto miglioramento del sentiment degli investitori professionali. L'ultimo sondaggio di BofA sui fund manager per il mese di agosto è il meno ribassista dal febbraio 2022. Di conseguenza, la liquidità dei gestori intervistati è diminuita notevolmente: dal 5,3% di luglio al 4,8 per cento. Questo porta i livelli di liquidità a un minimo di 21 mesi. Scendendo sotto il 5%, l'indicatore di liquidità di BofA non fornisce più un segnale di acquisto.

Di fatto, i gestori sono ora meno sovrappesati in liquidità dal settembre 2021. La liquidità è stata utilizzata per tornare alle azioni. L'allocazione è aumentata di 13 punti percentuali mese su mese, raggiungendo il minor sottopeso in azioni da aprile.

Migliori previsioni macroeconomiche

Il miglioramento del sentiment degli investitori si riflette anche nelle prospettive macroeconomiche. I gestori intervistati continuano a ritenere che la crescita globale si indebolirà nei prossimi 12 mesi, ma le aspettative sono migliorate significativamente in agosto. Solo il 45% prevede un indebolimento dell'economia globale tra 12 mesi, rispetto al 60% del mese scorso.

Ma un'economia più debole non implica necessariamente una recessione. Infatti, sempre meno professionisti prevedono una contrazione dell'economia globale. Le preoccupazioni per la recessione si stanno affievolendo. Sempre più spesso i manager intervistati non prevedono alcuna recessione nei prossimi 18 mesi. Il 31% degli intervistati non prevede una recessione, rispetto al 19% di luglio e al 14% di giugno.

Un altro 24% la prevede nel primo trimestre del 2024, il 13% nel quarto trimestre del 2023, l'11% nel secondo trimestre del 2024, il 9% nella seconda metà del 2024 e il 3% nel terzo trimestre del 2023.

Pertanto, lo scenario di un atterraggio morbido nei prossimi 12 mesi rimane lo scenario di base del consenso. Detto questo, le probabilità di un atterraggio senza ritorno aumentano (9% contro il 4% di luglio e il 3% di giugno), mentre quelle di un atterraggio duro diminuiscono (20% contro il 20% di luglio e il 26% di giugno).

Un'inflazione più bassa porta a tassi di interesse più bassi

Un'altra convinzione dei gestori è che si assisterà a un calo dell'inflazione nel breve e medio termine. Nonostante il miglioramento delle aspettative di crescita e la politica fiscale di stimolo, gli investitori sono convinti che l'inflazione rallenterà ulteriormente nei prossimi 12 mesi. L'81% si aspetta un calo dell'IPC.

E questo influenza la loro asset allocation. L'indagine di agosto sui gestori di fondi rivela la più forte convinzione che i tagli dei tassi si verificheranno nel prossimo anno dal novembre 2008. In questo senso, i gestori rimangono positivi sui tassi a lungo termine. Il 10% netto prevede un calo dei rendimenti obbligazionari nei prossimi 12 mesi, in calo rispetto al 15% di luglio e al record del 19% di aprile.

Movimento del portafoglio

Nell'ultimo mese, i gestori hanno ruotato i loro portafogli verso le azioni, i mercati emergenti e il Giappone, i settori tecnologici (al livello più alto dal dicembre 2021) e l'energia. Al contrario, si sono allontanati dai titoli azionari, dalla liquidità, dai settori industriali e, dal punto di vista geografico, dagli Stati Uniti e dall'Europa.

Tuttavia, se si confrontano i portafogli con la media storica di 20 anni, è possibile vedere che i professionisti rimangono lunghi in obbligazioni, beni di consumo e mercati emergenti e sottopeso in azioni, titoli azionari, eurozona e industriali.