I tre problemi della politica verde della BCE

Sostenibilità, I tre problemi della politica verde della BCE
Christine Lagarde, foto concessa (Martin Lamberts/BCE)

L'approccio di politica monetaria verde della BCE si basa sulla convinzione che gli shock macroeconomici e dei mercati finanziari derivanti dal cambiamento climatico potrebbero influenzare la trasmissione della politica monetaria e quindi la capacità dell'autorità monetaria di raggiungere il suo obiettivo di stabilità dei prezzi.

Come spiega Agnieszka Gehringer, analista dell'Istituto Flossbach von Storch, il canale di trasmissione può essere influenzato dall'instabilità del sistema finanziario dovuta, per esempio, all'improvviso riprezzamento del rischio finanziario legato al clima. Inoltre, anche se l'effetto ex ante sul tasso di interesse naturale non è chiaro, gli esperti della BCE sostengono che il "tasso di politica potrebbe raggiungere il limite inferiore effettivo più frequentemente, limitando lo spazio di politica monetaria per lo strumento convenzionale". Infine, l'incertezza derivante dai rischi meteorologici può rendere difficile valutare correttamente le prospettive di inflazione a medio termine.

"Tenendo conto di questi diversi fattori e, soprattutto, dato il potenziale impatto sulle prospettive di stabilità dei prezzi, la BCE è stata costretta ad adeguare la sua politica monetaria a un'azione climatica più intensa", spiega.

Problemi con il greening della BCE

Secondo l'analista, anche se diversi esperti considerano il cambiamento climatico come la più grande sfida del nostro tempo e che gli sforzi per combatterlo sarebbero auspicabili, l'impegno della politica monetaria in questo senso è inadatto. E lo crede per tre motivi.

In primo luogo, la BCE non ha un mandato per farlo. La disposizione dell'articolo 127 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) stabilisce che l'Eurosistema sostiene le politiche economiche generali dell'Unione, ma solo se l'obiettivo della stabilità dei prezzi non è pregiudicato. "Tuttavia, dato che gli stessi esperti della BCE identificano molteplici canali attraverso i quali la politica climatica influenzerebbe l'inflazione e le aspettative di inflazione, la politica monetaria verde potrebbe finire per esacerbare il raggiungimento dell'obiettivo della stabilità dei prezzi".

In secondo luogo, Gehringer vede la politica monetaria come un debole sostituto della politica fiscale. E soprattutto per la politica industriale in questo settore. "Queste ultime sono molto meglio attrezzate per far leva sull'azione della politica climatica attraverso strumenti come il carbon pricing e gli investimenti nell'innovazione verde. Coinvolgere la politica monetaria in azioni di politica economica con il potenziale di riordino sociale ed economico - che quindi appartengono alla responsabilità dei politici, soggetti al rischio di perdere le elezioni - espone la banca centrale a danni di reputazione e a una perdita di indipendenza".

In terzo luogo, l'esperta sottolinea che lo stato attuale della comprensione delle implicazioni economiche del cambiamento climatico è ancora incompleto. Questo è riconosciuto dagli stessi esperti della BCE, che affermano che "il cambiamento climatico pone delle sfide ai modelli macroeconomici usati dalle banche centrali per le previsioni e le analisi politiche". Ma anche se il divario concettuale sottostante riguardante il cambiamento climatico nel quadro della modellazione macroeconomica è alla fine chiuso, l'esperienza passata dei banchieri centrali che applicano tali modelli per fare previsioni economiche affidabili non è particolarmente incoraggiante, dice.

"Per anni, questi modelli hanno sovrastimato l'inflazione, e ora l'hanno sottostimata. Ma se le banche centrali non possono prevedere l'inflazione abbastanza bene per adempiere al loro mandato principale, la loro ambizione di modellare l'impatto economico del cambiamento climatico per scopi politici sembra una presunzione di conoscenza particolarmente sfacciata", dice.

Dal suo punto di vista, il mix di prove storiche limitate, gli orizzonti a lungo termine in cui è probabile che si verifichino le conseguenze economiche rilevanti e i modelli mancanti di un solido track record rendono il tutto una grande speculazione piuttosto che un processo decisionale prudente, responsabile e credibile.