Jansen (NN IP): “Per la ripresa necessari nuovi stimoli e riforme dai Governi”

Jansen Roel, co-head and lead portfolio manager dell’Euro Investment Grade Credit, NN IP

Come atteso, nel meeting di dicembre la BCE ha rafforzato le misure QE, con un aumento del PEPP di 500 miliardi e un suo prolungamento almeno fino a marzo 2022. Un’ulteriore iniezione di fiducia per i mercati da parte dell’Eurotower, che tuttavia potrebbe non bastare. “È improbabile che un ulteriore allentamento della politica monetaria possa raggiungere da solo l’obiettivo di stabilità dei prezzi. La lezione dell’ultimo decennio è che la politica monetaria perda di trazione sull’economia reale una volta che le curve dei rendimenti sovrani sono a livelli storicamente bassi e piatti. L’esperienza della BoJ è un chiaro esempio di come la banca centrale giapponese abbia viaggiato in un territorio non convenzionale, ma i risultati in termini di sostegno alla dinamica dell’inflazione sono stati deludenti”, spiega Roel Jansen, co-head e lead portfolio manager dell’Euro Investment Grade Credit di NN Investment Partners. Il rilancio dell’economica colpita dalla Covid potrebbe rendere necessari nuovi interventi di stimolo dei Governi, come quello atteso per il prossimo anno negli USA. “Se l’economia si trova in questo tipo di trappola di liquidità, spetta fondamentalmente ad altri settori politici assumersi l’onere di sostenere la ripresa e di riportare l’economia alla piena occupazione”, avverte.

Governi protagonisti del dopo Covid

“La leva più importante in questo senso è un allentamento fiscale, che dovrebbe durare fino a quando il settore privato non sarà disposto e in grado di sostenere la ripresa da solo. Oltre a ciò, le riforme strutturali possono svolgere un ruolo importante. Tutto ciò non significa che la politica monetaria sia completamente impotente. Al contrario, essa ha un ruolo molto importante da svolgere per consentire il grado di agevolazione fiscale richiesto”, evidenzia l’esperto.

Per le ampie politiche d’acquisto delle Banche centrali e i tassi vicino allo zero, i rendimenti dei titoli di Stato sono bassi e lo rimarranno con tutta probabilità per molto tempo.  Maggiori opportunità possono trovarsi nel credito corporate, segmento in cui investe il portafoglio del fondo di NN IP, Euro Credit, con marchio BC di FundPeople per il 2020. Ma il rischio dei fallimenti aziendali per la crisi è dietro l’angolo e per evitarlo l’ottica del gestore è ben salda sul lungo termine: “Acquistiamo obbligazioni di più lungo periodo nei settori difensivi piuttosto che obbligazioni di qualità inferiore al momento”, dichiara. “I tassi di insolvenza delle imprese in Europa sono rimasti piuttosto bassi durante la crisi di Covid-19. Ciò è dovuto principalmente al generoso sostegno dei governi, sia direttamente che indirettamente. Mentre il sostegno diretto spesso aiuta le aziende a rimanere a lungo al riparo da uno scenario di fallimento, parte del sostegno indiretto sarà gradualmente eliminato. Pertanto, nei prossimi trimestri potremmo ancora assistere a un aumento dei fallimenti aziendali”, avverte.

“Anche se abbiamo il margine di manovra per includere nei nostri portafogli un certo debito ad alto rendimento e l’alto rendimento fornisce un carry più elevato, preferiamo rimanere nel debito con rating Investment Grade. Inoltre, il rischio di default nel credito IG è molto basso in quanto le società le cui attività erano le più vulnerabili all’epidemia di Covid-19 sono già state declassate ad High Yield e le società continuano a godere di un accesso favorevole ai finanziamenti grazie all’acquisto di obbligazioni societarie da parte delle banche centrali e alle loro dimensioni solitamente più grandi, grazie alle quali è più probabile che ricevano il sostegno del governo, se necessario”, sostiene.

Il comportamento dell’Euro Credit durante la correzione di marzo

Il crollo dei mercati di marzo è un evento che difficilmente gli investitori dimenticheranno. Interessante è quindi scoprire quali sono state le modifiche effettuate a Jansen al portafoglio dell’Euro Credit nei momenti di panico seguiti allo scoppio del Covid-19: “Nel corso del mese di marzo il mercato è diventato più erratico, poiché i grandi deflussi dai fondi comuni d’investimento hanno avuto un impatto significativo anche sulle denominazioni più difensive del portafoglio. Tuttavia, dopo che la BCE e la Fed hanno annunciato ampi programmi di quantitative easing queste denominazioni difensive hanno iniziato a riprendersi rapidamente. Di conseguenza, all’inizio di aprile il fondo si era già ripreso dalla modesta sottoperformance rispetto al benchmark nel mese di marzo. Aumentando il beta del fondo a partire dalla fine di marzo, la ripresa del mercato ad aprile ha portato il fondo a mostrare già alla fine del mese una sostanziale sovraperformance del benchmark rispetto all’anno precedente. Da allora abbiamo continuato ad essere costruttivi sul mercato, soprattutto grazie a valutazioni interessanti e al forte sostegno alle economie e ai mercati da parte dei governi e delle banche centrali”, dichiara. “Recentemente siamo diventati più cauti, poiché gli spread creditizi sono tornati mediamente intorno al livello di fine febbraio. Inoltre, i mercati si trovano ad affrontare diversi nuovi potenziali shock alla crescita economica e al sentiment, come l’attuale seconda ondata di infezioni da Covid-19 e il rinnovato inasprimento delle restrizioni ad essa correlate, la Brexit. Anche lo sconto di valutazione dei settori ciclici rispetto a quelli non ciclici si è ridotto, e quindi abbiamo ridotto la nostra esposizione ai settori ciclici a favore di quelli non ciclici e abbiamo ridotto il beta complessivo del nostro portafoglio a un modesto sovrappeso”, conclude il gestore.