La Germania entra in recessione tecnica: le prime valutazioni degli AM internazionali

Berlino, Germania News
Florian Wehde, immagine concessa (Unsplash)

I dati rivisti del PIL del primo trimestre della Germania confermano che la più grande economia dell'Unione Europea è entrata in recessione tecnica. La seconda stima del PIL tedesco per il primo trimestre è stata rivista al ribasso e riflette una contrazione dello 0,3% dell'economia. Questo dato, unito al calo dello 0,5% del PIL del quarto trimestre, significa che la Germania è entrata in recessione tecnica durante l'inverno. Secondo Wolf von Rotberg, stratega azionario di J. Safra Sarasin Sustainable AM, i dati pubblicati mostrano sorprendentemente che l'economia tedesca è in recessione tecnica da due trimestri.

“Se la spesa pubblica è stata il principale freno nel primo trimestre, con la successiva eliminazione delle voci di spesa generate dalla pandemia da Covid-19 per vaccinazioni e test, il calo dei consumi privati è stato una sorpresa maggiore. Un calo più marcato del PIL si è potuto evitare grazie alla robusta spesa per investimenti e alle forti esportazioni. Inoltre, i recenti indicatori PMI e IFO di maggio suggeriscono che l'economia tedesca non è ancora fuori pericolo, poiché indicano una continua debolezza, in particolare nel settore manifatturiero", commenta l'esperto.

Per Paul Diggle, tuttavia, queste revisioni al ribasso non costituiscono una grande sorpresa. “Anzi, la sorpresa è stata la resilienza che l'economia tedesca, e quella dell'Eurozona in generale, aveva inizialmente mostrato durante l'inverno. Ora è chiaro che il forte aumento dei prezzi dell'energia dopo l'invasione russa dell'Ucraina e il forte calo della produzione industriale ad alta intensità energetica, parte fondamentale dell'economia tedesca, hanno causato una recessione invernale”, dice il capo economista di abrdn.

In prospettiva, ci si chiede se non ci sia da aspettarsi un'ulteriore debolezza dovuta all'alta inflazione e ai tassi di interesse elevati. “Il settore industriale tedesco e quello più ampio dell'Eurozona sono ancora molto deboli, ma il settore dei servizi è solido e i consumatori resistono. A sua volta, questo mantiene elevata l'inflazione core e la Banca Centrale Europea ha ancora altri rialzi dei tassi da fare. Il nostro giudizio è che, seguendo i precedenti storici, il ciclo di rialzi dei tassi scatenerà un'altra recessione a partire dalla fine dell'anno”, spiega Diggle.

Il quadro macro dipinto da Azad Zangana è diverso. Lo strategist e senior economist per l'Europa di Schroders ha abbassato le sue previsioni per il 2023 (dallo 0,1% allo 0%), ma ha leggermente migliorato quelle per il 2024 (dallo 0,6% allo 0,7%), ritenendo che il calo dei prezzi dell'energia stia iniziando a dare una mano. Nel frattempo, le previsioni di crescita del PIL della zona euro sono state aumentate dallo 0,5% allo 0,6% annuo nel 2023 e dallo 0,8% allo 0,9% annuo nel 2024. Inoltre, prevede un'inflazione inferiore al 3% nel primo trimestre e una media del 2,4% nel 2024. A suo avviso, ciò consentirebbe alla BCE di ridurre gradualmente i tassi al 2,5% entro la fine dell'anno.

"Nell'Eurozona, i prezzi dell'energia all'ingrosso hanno continuato a scendere, ma l'aumento dell'inflazione dei prezzi dei prodotti alimentari e dei servizi ha portato a revisioni al rialzo dell'inflazione. Le previsioni sull'inflazione IAPC sono state riviste al rialzo dal 4,2% annuo al 5,6% annuo entro il 2023 e dal 2,2% annuo al 2,4% annuo entro il 2024. Di conseguenza, ci aspettiamo che la BCE aumenti il suo tasso di interesse principale (tasso di rifinanziamento) fino a un massimo del 4,25% a luglio", spiega Zangana.

Ora il tasso d'interesse massimo della BCE è superiore dello 0,75% rispetto alla sua precedente previsione, il che normalmente comporterebbe un abbassamento delle previsioni di crescita del PIL. Tuttavia, Zangana sottolinea che una crescita più sostenuta in alcuni Paesi contribuisce a compensare una parte del freno causato dai tassi, nonché un inizio d'anno più forte del previsto. "Quest'ultimo aspetto è particolarmente vero per Francia, Italia e Spagna", afferma.