L'accordo sul gas tra USA e UE ridefinisce il quadro della transizione energetica

, L'accordo sul gas tra USA e UE ridefinisce il quadro della transizione energetica
Kyri Loupis. Foto concessa (Goldman Sachs Asset Management)

Gli equilibri globali circa l'energia si sono appena capovolti. Venerdì scorso, 25 marzo, Stati Uniti ed Europa hanno firmato un accordo per aumentare la fornitura di gas naturale liquefatto (GNL) all'Unione Europea. Gli Stati Uniti aumenteranno la fornitura di gas statunitense all'UE di 15 miliardi di metri cubi/anno. Gli Stati membri si impegnano inoltre a una domanda aggiuntiva minima di GNL statunitense di 50 miliardi di metri cubi/anno almeno fino al 2030. Inoltre, l'Europa lavorerà di pari passo con gli Stati Uniti per accelerare lo sviluppo delle infrastrutture necessarie per l'importazione di GNL statunitense.

Siamo di fronte a un accordo storico che ridefinisce la geopolitica del settore energetico, analizza Kyri Loupis, head of the Energy Infrastructure and Renewables team di Goldman Sachs Asset Management. Attualmente i Paesi dell'Unione Europea importano tra il 25 e il 60% del loro gas naturale dalla Russia. È un equilibrio che l'Europa cerca di invertire rapidamente. L'UE si è posta l'obiettivo di ridurre di due terzi le sue importazioni di gas russo da qui alla fine del 2022.

Decisioni geopolitiche

Non è la prima volta che la politica incide sulle decisioni strategiche del settore. Come sottolinea giustamente Loupis, la rivoluzione del gas di scisto del 2014 negli Stati Uniti è stata in gran parte una ricerca di indipendenza energetica per il Paese. Ora è l'Europa a cercare l'indipendenza e, in questo senso, gli Stati Uniti possono essere la sua chiave .

Parlare di prezzi dell'energia infatti significa inevitabilmente parlare di geopolitica. "Si discute poco della geopolitica delle rinnovabili. La transizione verso l'energia verde ridurrà l'indipendenza di nazioni come la Russia, ma implica anche lo spostamento della dipendenza verso Paesi come la Cina, il Congo o parti dell'America Latina. Non si tratta solo di petrolio. Materie prime come litio, cobalto, nichel, così cruciali per lo sviluppo della tecnologia elettrica, provengono dai Paesi africani”, sottolinea Loupis.

Il recente accordo tra Stati Uniti ed Europa non è stato l'unico movimento rilevante in questo settore. Gli americani sono stati aperti a entrare in trattative con Paesi come il Venezuela per aumentare le importazioni di petrolio dal Paese latinoamericano come condizione per la revoca di alcune sanzioni.

Ma mentre l'accordo USA-Europa è un passo necessario per ridurre la dipendenza dall'energia russa, l'effetto non sarà immediato. "Questa è una soluzione che richiederà diversi anni per essere sviluppata", ricorda Loupis. Perché l'Europa oggi non ha la capacità di importazione necessaria, cioè prima deve costruire i gasdotti.

Gas naturale, un ponte nella transizione

Pertanto, la seconda conclusione che Loupis trarrebbe da questo accordo è che la transizione energetica viene ora affrontata da un'altra prospettiva, più pragmatica. "La realtà è che i combustibili fossili possono esistere senza rinnovabili, ma le rinnovabili non possono esistere senza combustibili fossili", insiste l'esperto.

A suo parere, dobbiamo essere più realistici. "Non esiste un piano credibile di emissioni nette zero che non tenga conto dell'energia nucleare", afferma Loupis. Non sorprende quindi che la Cina abbia citato l'energia nucleare come una tappa importante del suo piano energetico 2030. Infatti, il Paese prevede di costruire 150 nuovi reattori nei prossimi 15 anni.

Non è fare un passo indietro nell'adozione delle rinnovabili, ma essere pragmatici. Secondo uno studio condotto da EQT Corporation, nell'attuale traiettoria di sviluppo delle rinnovabili, l'obiettivo di riduzione del carbonio per il 2030 non sarà raggiunto.

, L'accordo sul gas tra USA e UE ridefinisce il quadro della transizione energetica
Fonte: GSAM

Quindi, sulla strada per ridurre le emissioni di carbonio, sarà necessario un ponte. E secondo l'esperto, potrebbe trattarsi di gas naturale. Gli Stati Uniti sono leader nella riduzione delle emissioni di carbonio dal 2015. E la loro arma segreta è proprio il gas naturale. Il passaggio dal carbone al gas naturale è stato responsabile del 61% delle emissioni nel Paese in questo periodo. Più che l'adozione di energia solare o eolica. In 15 anni (dal 2005 al 2020) il gas naturale ha sostituito 200 centrali a carbone nel Paese. Questo progetto ha avuto un impatto doppio sulla riduzione di CO2 rispetto all'installazione di 2 milioni di pannelli solari e 30mila mulini a vento in Germania (il piano Germania Energiewende) e quattro volte di più rispetto alla costruzione della più grande diga idraulica del mondo, le Tre Gole della Cina. Inoltre si tratta di qualcosa che è a costo zero per il contribuente.