Mercati, un'analisi sul balzo dei prezzi delle materie prime, gas e petrolio

materie prime, Mercati, un'analisi sul balzo dei prezzi delle materie prime, gas e petrolio
Erwan Hesry. (Unsplash)

I mercati mondiali, negli scorsi giorni, non stavano scontando uno scenario di guerra mentre ora i prezzi si stanno adeguando alle conseguenze di un conflitto armato di questa portata in Europa. Tutto indica che la situazione richiederà tempo per stabilizzarsi e che, quindi, la volatilità persisterà. Per ora, il mercato sta ricalibrando l'impatto dello shock geopolitico e cercando di assorbire gli effetti delle decisioni politiche adottate sia dalla Russia che dall'Occidente. Sotto i riflettori c'è quello che succede all'approvvigionamento di petrolio e gas, una questione di vitale importanza.

Per ora, la decisione del Cremlino di invadere l'Ucraina ha portato i prezzi delle materie prime a raggiungere nuovi massimi. Già nel periodo precedente la crisi, le materie prime stavano scontando un premio per il rischio geopolitico che è aumentato con lo scoppio della guerra. Il Bloomberg Commodity Index (BCOM) è aumentato del 20% finora quest'anno. Il petrolio WTI si è apprezzato dell'8% giovedì 24 febbraio, mentre il Brent è scambiato sopra i 100 dollari, il livello più alto dal 2014.

La carenza di gas in Europa si è acuita perché la Germania aveva già bloccato l'apertura del gasdotto Nordstream 2 lunedì scorso, generando probabili ulteriori problemi nelle forniture di gas. Di conseguenza, il gas scambiato nei Paesi Bassi è aumentato del 50% da lunedì. "La guerra ha aumentato considerevolmente i rischi di interruzione della fornitura di petrolio e gas, ma si può presumere che la Russia onorerà i suoi contratti di fornitura di energia a lungo termine, come ha fatto in passato", osserva Michel Salden.

Scorte in Europa, a livelli inferiori rispetto alla media

Tuttavia, il capo delle materie prime di Vontobel AM ritiene improbabile che il Paese invii ulteriore gas per aumentare le scorte europee in estate, che ora sono il 20% al di sotto delle loro medie quinquennali. "Questo potrebbe essere un grosso problema il prossimo inverno", avverte. Concorda su questo punto con Benjamin Melman, Global director of Investments, Edmond de Rothschild AM , per il quale la difficoltà sarà quella di risanare le scorte per il prossimo inverno. "L'Europa dipende dalla Russia e le consegne erano già state ridotte nel 2020".

Come spiega, il passaggio al gas liquefatto non poteva che essere limitato, poiché non ci sono abbastanza terminali di liquefazione e rigassificazione, il che lascia l'offerta di molto inferiore rispetto alla domanda. "Dovremo cercare altre fonti di energia e questo pone un altro problema, soprattutto se si tratta di carbone. Dovremmo pensare anche a misure di risparmio energetico", sottolinea.

Un altro ingrediente da aggiungere all'equazione è che la tanto discussa sanzione di escludere la Russia dal sistema di pagamento SWIFT sarà complicata. “Se la Russia non può ricevere pagamenti per le sue consegne di petrolio e gas, limiterà o addirittura interromperà la fornitura. Per alleviare la situazione, Europa e Stati Uniti potrebbero ricorrere immediatamente a un accordo su un nuovo patto petrolifero con l'Iran. Anche se un simile accordo contribuirebbe a portare sul mercato nuovi barili di petrolio, fino a un milione al giorno in sei mesi, creerebbe nuovi rischi geopolitici in Medio Oriente”, sottolinea Salden.

Il mercato dei cereali

Tuttavia, la crisi ha ripercussioni al di là dell'approvvigionamento energetico, poiché le scorte delle principali materie prime sono scese ai livelli più bassi degli ultimi 20 anni. L'Ucraina è responsabile rispettivamente del 12% e del 16% delle esportazioni mondiali di grano e mais, e non è ancora noto in che misura i porti e le infrastrutture di trasporto dell'Ucraina saranno danneggiati dal conflitto militare. Inoltre, Ucraina e Russia sono due dei maggiori esportatori di fertilizzanti, il che introduce rischi per la sicurezza alimentare globale.

“Mentre ciò accade, tutti i cereali negli Stati Uniti hanno iniziato a scambiare con prezzi elevati, il che ha causato cambiamenti significativi nel commercio. Il grano francese è salito ieri del 17 per cento. Le prospettive sui mercati dei metalli, per la maggior parte appannaggio della Russia, sono simili: l'alluminio è salito del 4%, il nichel del 5% e il palladio del 7%”, sottolinea il responsabile Commodities di Vontobel AM. Resta da vedere come questo drammatico aumento dei prezzi influisca sull'inflazione e, di conseguenza, sulle politiche monetarie applicate dalle diverse banche centrali.

“Le loro agende potrebbero cambiare se aumentassero gli effetti sulle prospettive di crescita”, indica Pascal Blanqué. L'ex direttore degli Investimenti di Amundi e ora capo dell'Amundi Institute ricorda che la guerra aggiunge incertezza alle prospettive globali in un momento in cui le banche centrali stavano agendo per contenere le pressioni inflazionistiche in un ambiente già molto teso. “Il rischio di stagflazione globale è ora maggiore. Il fattore inflazione si rafforza mentre il fattore crescita si indebolisce”, afferma. L'ambiente attuale è certamente complesso, intricato e la visibilità sul futuro è molto limitata.