Mercato cinese, ecco i cinque grandi problemi che sta affrontando il Paese

unsplash

Le azioni cinesi (rappresentate dall'indice MSCI China) sono scese del 33% dall'inizio dell'anno, mentre l'S&P 500 è sceso del doppio (-16%) e l'EuroStoxx 50 ancora meno (-6%). Questo è un segno che i mercati finanziari stanno già scontando le difficoltà presenti e future della Cina. Il gigante asiatico sta affrontando una crisi su più livelli e con numerose implicazioni, che la rendono forse la più complessa dai tempi del maoismo. Ma quali sono i problemi che il Paese deve affrontare? Clément Inbona, direttore di La Financière de l'Echiquier, ha stilato un elenco con cinque punti chiave.

Problema n. 1: concentrazione del potere politico

A livello politico, il 20° Congresso del Partito Comunista Cinese ha portato a una concentrazione autocratica del potere. Le chiavi del Paese sono ora nelle mani di un solo uomo, Xi Jinping, che si è circondato esclusivamente dei più fedeli tra i fedeli.

Problema n. 2: il continuo calo dei prezzi delle case

Il settore immobiliare, inizialmente colpito dalla crisi dei costruttori, sta assistendo mese dopo mese a un calo dei prezzi delle case. "Così, la spina dorsale dell'economia cinese - quasi un quarto del PIL e il 70% della ricchezza delle famiglie cinesi - continua a vacillare", afferma l'esperto. Recentemente, le autorità cinesi hanno annunciato misure per allentare la pressione sul mercato immobiliare. L'anno scorso il governo ha cercato di sostenere il settore, ma non ci è riuscito.

Problema n. 3: zero COVID

Sul fronte sanitario, il Paese sta affrontando un'ondata di COVID di portata senza precedenti. "Anche se il governo ha recentemente ammorbidito la sua politica di tolleranza zero contro il virus, la logica rimane la stessa. Ovvero: adottare misure radicali non appena si manifestano i primi casi, indipendentemente dal costo economico o sociale".

Problema n. 4: isolamento politico

Sul fronte geopolitico, le ambizioni di annessione di Taiwan non faranno che raffreddare ulteriormente le già gelide relazioni con gli Stati Uniti. "Queste aspirazioni minacciano di provocare l'isolamento, un rischio che avrebbe un costo enorme per un'economia cinese ancora fortemente dipendente dalle sue esportazioni", spiega.

Problema n. 5: rallentamento economico

Sul fronte economico, la crescita prevista per il 2022 è solo del 3,3%, il tasso più basso degli ultimi 40 anni. "Il motore cinese dell'economia mondiale sta quindi rallentando pericolosamente", conclude.