Una breve view sulla fusione di Amundi e Lyxor dal punto di vista del mercato degli ETF

Detlef Glow News
Detlef Glow, immagine concessa (Refinitiv)

Contributo a cura di Detlef Glow, head of EMEA Research di Refinitiv.

Il 7 aprile 2021, Amundi e Lyxor hanno annunciato che Amundi è in trattative esclusive con Société Générale per acquistare la sua divisione di gestione patrimoniale Lyxor per un totale di 825 milioni di euro. In seguito a questi negoziati, l'affare è stato chiuso l'11 giugno 2021. Oltre a servire come piattaforma per le strategie alternative, Lyxor ETF è l'obiettivo principale di questa acquisizione, poiché la fusione creerebbe il secondo più grande provider di ETF in Europa.

Anche se c'erano già delle voci in merito, l'annuncio della possibile vendita di Lyxor è stato un po' sorprendente. Questo perché Lyxor ETF aveva appena finalizzato l'integrazione di ComStage, l'ex ramo ETF del lender tedesco Commerzbank, nel giugno 2020 dopo che Lyxor ha acquistato la società nel 2018.

Al 31 maggio 2021, Lyxor ETF (con 89,2 miliardi di euro in gestione) era il terzo promotore di ETF per patrimonio in gestione in Europa, mentre Amundi ETF (70,7 miliardi di euro) si collocava in quinta posizione. Pertanto, l'ovvio risultato di questa fusione è la creazione del nuovo secondo più grande distributore di ETF in Europa, poiché il patrimonio combinato di Amundi ETF e Lyxor ETF si attestava a 159,9 miliardi di euro a fine maggio 2021. Si tratta di un vantaggio di 23,1 miliardi di euro su Xtrackers, ma ancora lontano da iShares, che domina il settore europeo degli ETF con 516,8 miliardi di euro di asset in gestione.

MAGGIORE CONCENTRAZIONE

Dato che Amundi ETF e Lyxor ETF erano entrambi nella tabella dei primi 10 provider di ETF in Europa, la fusione porterà a una maggiore concentrazione del mercato, poiché un nuovo nome emergerà nella lista. In generale, una maggiore concentrazione di mercato è vista come un male per i clienti, in quanto un'alta concentrazione di mercato può disabilitare la concorrenza nel rispettivo settore. Dal mio punto di vista, la maggiore concentrazione del patrimonio in gestione non ha un grande impatto sul mercato europeo complessivo degli ETF, poiché il patrimonio in gestione nell'industria europea degli ETF è stato concentrato fin dall'inizio. Nonostante questo, abbiamo comunque osservato che i provider hanno affrontato una guerra dei prezzi sulle commissioni di gestione, mentre il mercato generale ha goduto di un numero crescente di promotori e prodotti ETF.

FUSIONI NELLA GAMMA OFFERTA

Poiché è consuetudine fondere fondi ed ETF con un obiettivo d'investimento simile per sbloccare sinergie ed economie di scala, presumo che Amundi fonderà diversi ETF Lyxor nei loro rispettivi pari nella gamma di prodotti Amundi.

Tale fusione di prodotti porta a un maggiore patrimonio in gestione nei rispettivi ETF. Pertanto, gli investitori possono godere di costi di trading inferiori e di una maggiore liquidità complessiva in questi ETF, e queste economie di scala possono anche rendere i rispettivi ETF più interessanti per altri investitori. Inoltre, i maggiori attivi in gestione possono dare ad Amundi la possibilità di ridurre le commissioni di gestione, il che aumenterebbe ulteriormente la concorrenza generale in materia di commissioni e spese nel panorama europeo degli ETF.

MAGGIORI BARRIERE ALL'ENTRATA NEL SETTORE

Anche se un maggiore patrimonio in gestione e commissioni più basse possono essere visti come fattori positivi per gli investitori, potrebbero essere un ostacolo per la concorrenza futura. Questo perché le commissioni più basse stanno ponendo la barriera d'ingresso al mercato per i nuovi promotori di ETF più alta, dal momento che hanno bisogno di raccogliere più asset in gestione per diventare redditizi. Tuttavia, questo potrebbe essere vero solo per gli indici standardizzati come MSCI World, S&P 500, FTSE 100, etc., dove abbiamo già visto una corsa al ribasso per le commissioni di gestione in passato. Al contrario, si può osservare che i promotori che offrono ETF basati su indici di promotori di indici alternativi o che offrono soluzioni in aree di nicchia o di mercato che richiedono una certa specializzazione, sono in grado di mantenere livelli di commissioni comparabilmente elevati, pur raccogliendo un livello sufficiente di asset in gestione.

Anche se Amundi sarà il nuovo promotore di ETF numero due per patrimonio in gestione in Europa dopo il completamento della fusione, Amundi non potrà essere sicuro di rimanere in questa posizione poiché il settore europeo degli ETF è altamente competitivo. Pertanto, deve convincere gli investitori esistenti che i cambiamenti di proprietà non avranno un impatto negativo sulla qualità dei prodotti Lyxor e viceversa, poiché altrimenti perderanno parte del loro patrimonio in gestione a favore dei concorrenti.

Ma la fidelizzazione dei clienti è solo un lato della medaglia, poiché Amundi ETF ha bisogno di attrarre nuovi clienti per mantenere la sua posizione di secondo promotore di ETF in Europa. Detto questo, possiamo notare che Amundi e Lyxor sono stati piuttosto innovativi per quanto riguarda le strategie ETF che hanno lanciato in passato. Pertanto, mi aspetterei di vedere ulteriori innovazioni di ETF provenienti dai team di sviluppo prodotti combinati di Amundi e Lyxor in futuro.