Quali asset class proteggono il portafoglio dalla stagflazione?

stagflazione, Quali asset class proteggono il portafoglio dalla stagflazione?
Paul Skorupskas, Unsplash

Nella prima metà del 2021 si è registrato un forte rimbalzo della crescita economica unito a un aumento dell'inflazione. Tuttavia, lo slancio della crescita sta già mostrando segni di rallentamento con il venir meno degli stimoli fiscali e monetari. Nel frattempo, l'inflazione rimane elevata a causa delle interruzioni della catena di approvvigionamento e dell'aumento dei costi energetici. Nel complesso, si teme che si stia creando un ambiente di stagflazione, ovvero di bassa crescita e alta inflazione. Come dovrebbero prepararsi gli investitori a questo possibile scenario?

Sean Markowicz, responsabile della strategia, della ricerca e dell'analisi di Schroders, ha calcolato il rendimento totale reale medio (corretto per l'inflazione) delle principali classi di attività dal 1973. In conclusione: i risultati migliori e peggiori variano considerevolmente in ogni fase e anche la dispersione dei rendimenti all'interno di ogni fase è stata marcata.

I migliori e i peggiori

Ad esempio, durante i periodi di stagflazione, l'oro (+ 22,1%), le materie prime (+ 15,0%) e i fondi di investimento immobiliare (REIT) (+ 6,5%) sono stati i migliori performer con cui si sono comportati. A soffrire, invece, le azioni (-1,5%).

"Questo ha senso, poiché l'oro è spesso considerato un bene rifugio, motivo per cui tende ad apprezzarsi in tempi di incertezza economica. I tassi di interesse reali tendono anche a diminuire nei periodi di stagflazione, poiché le aspettative di inflazione aumentano e le aspettative di crescita diminuiscono. Tassi reali più bassi riducono il costo opportunità di possedere un'attività a rendimento zero come l'oro, il che aumenta la sua attrattiva per gli investitori ", afferma l'esperto.

Le materie prime (ad esempio materie prime ed energia) sono fonte di costi per le aziende, nonché una componente chiave dei tassi di inflazione. “Pertanto, tendono a funzionare bene anche quando l'inflazione è in aumento (spesso perché sono la causa dell'aumento dell'inflazione). Tuttavia, i rendimenti sono più deboli rispetto ai periodi di reflazione, in cui beneficiano della spinta aggiuntiva dell'aumento della domanda economica”.