Reddito fisso: dove trovare decorrelazione dall'azionario?

Portafogli, Reddito fisso: dove trovare decorrelazione dall'azionario?
Foto William Iven, Unsplash

Abbinare azioni e obbligazioni in un portafoglio 60/40 è stata una strategia di investimento popolare per decenni perché i rendimenti delle due asset class sono stati a lungo inversamente correlati l'uno all'altro. Quando le azioni andavano male, le obbligazioni andavano bene e viceversa (in media). I loro benefici si compensavano, dando la possibilità agli investitori di costruire portafogli meno volatili, gestire le flessioni del mercato e migliorare i rendimenti.

Tuttavia, come spiega Sean Markowicz, investment strategist e analista di Schroders, la straordinaria risposta di politica monetaria e fiscale alla crisi COVID-19 ha reso meno ampio il rapporto tra azioni e obbligazioni. "Per esempio, la correlazione a sei mesi tra le azioni statunitensi e i Treasuries statunitensi è recentemente diventata positiva, rendendo la diversificazione del portafoglio più difficile da raggiungere rispetto a prima", dice.

Di conseguenza, la diversificazione del portafoglio è diventata una missione più complicata. Nella maggior parte dei segmenti del mercato del reddito fisso, il grado di correlazione tra le azioni, come misurato dall'indice MSCI World ACWI, e le obbligazioni si aggira tra lo 0,7 e lo 0,8, come indicato nell'ultima Market Guide di J.P. Morgan AM.

Storicamente, l'high yield è il segmento del mercato del reddito fisso dove questa correlazione è più elevata. Nel caso del debito globale ad alto rendimento è a livelli di 0,8, con durate che sono intorno ai cinque anni. Esattamente lo stesso vale per le obbligazioni convertibili. La loro correlazione con il mercato azionario si muove ad un livello di correlazione molto simile. Ma con una durata media inferiore: 3,6 anni.

Il grande problema per gli investitori che vogliono incorporare nel loro portafoglio attività quotate dal comportamento diverso è che anche nei sottosegmenti più popolari del mercato del reddito fisso i livelli di correlazione sono alti. Sono di circa lo 0,7 per l’high yield europeo, il debito emergente (corporate investment grade e high yield) o le obbligazioni societarie globali. In quest'ultimo caso, inoltre, ipotizzando durate dell'ordine di sette anni.

A parte le obbligazioni decennali di paesi come gli Stati Uniti, la Germania o il Giappone, dove la correlazione con le azioni è negativa ma il TIR è molto basso, all'interno dei mercati sviluppati, per trovare un certo grado di diversificazione dovremmo andare su investment grade europei (0,6), statunitensi (0,5) o inglesi (0,4). Nel mondo emergente, i titoli di stato investment grade (0,5) e le obbligazioni emesse in valuta locale (0,4) fornirebbero la più alta de-correlazione.

IL CASO DEL DEBITO CINESE IN VALUTA LOCALE

E, all'interno del debito emergente in valuta locale, se c'è un'attività che fornisce veramente decorrelazione, è il mercato del debito locale cinese. Attualmente, la correlazione tra le obbligazioni cinesi emesse in renminbi e le azioni è negativa. Dal 2004, in ognuno degli ambienti di mercato con correzioni al ribasso, l'asset class ha performato bene. Così come l'oro, il bund tedesco o i titoli di stato americani.

"La sua correlazione è alta solo con i treasuries, anche se tende a diventare sempre più bassa", dice Stephen Li Jen, CEO di Eurizon SLJ Capital. Un'altra caratteristica è che il debito cinese emesso in valuta locale è stato molto meno volatile di quello dei mercati globali. "Questo è dovuto principalmente al fatto che il mercato è dominato da investitori nazionali. In Cina, l'80% del patrimonio del settore è nelle mani degli investitori al dettaglio", spiega.