Reddito fisso, ecco perché avere un approccio top-down secondo il team IG Euro di BlueBay

top-down, Reddito fisso, ecco perché avere un approccio top-down secondo il team IG Euro di BlueBay
Mark Dowding e Kaspar Hense. Foto concessa (BlueBay)

Per il BlueBay Investment Grade Euro Government Bond e il BlueBay Investment Grade Euro Aggregate Bond Fund, la politica gioca un ruolo importante nel processo decisionale. Un elemento differenziale del processo di investimento di entrambi i fondi è che la visione top-down influenza il posizionamento. "In un contesto europeo, in cui il premio per il rischio è sostanzialmente zero, l'attenzione si è concentrata maggiormente sulle politiche macroeconomiche", afferma Kaspar Hense, senior manager di entrambi i fondi con Rating FundsPeople 2022.

Pertanto, una delle priorità del team leader negli ultimi tempi è stata quella di confrontarsi con i principali attori politici che influenzano l'Unione Europea. "Abbiamo costruito relazioni estese a Bruxelles", afferma Hense. Questo è stato particolarmente utile nelle settimane che precedono le elezioni, ad esempio quelle che si sono tenute in Italia a gennaio. "Abbiamo stabilito che se il rischio in Italia si fosse rivelato più favorevole del previsto dai mercati, ciò avrebbe aperto l'opportunità non solo di essere long sul debito italiano ma positivi sui periferici in generale", spiega il manager.

Secondo Hense, l'elevata volatilità del mercato ha portato gli stockpicker a perdere il loro vantaggio. Attualmente, spiega, è la tendenza top-down che sta guidando il mercato. E l'analisi svolta dal management team non è solo a livello europeo, pur essendo questo un fondo di debito europeo. Si guarda anche agli indicatori a livello globale. “Il mercato del debito è altamente correlato. Il bund tedesco si muove a stretto contatto con il Treasury americano”, sostiene.

Pertanto, monitorano attentamente l'andamento dell'inflazione a livello globale. È ciò che ha permesso loro di rilevare i colli di bottiglia nella fornitura di beni in tutto il mondo. "Ecco perché ci siamo mantenuti più brevi più a lungo e con più convinzione rispetto alle nostre controparti", dice Hense.

Molto vicino al picco di inflazione

Il team guidato da Mark Dowding, chief Investment Officer della società, era stato a lungo molto esplicito sul fatto che l'inflazione sarebbe stata più rischiosa rispetto a quanto previsto dalle banche centrali. Ora, sostengono, il grande shock dell'offerta sta svanendo e il divario tra domanda e offerta si sta riducendo. Sebbene possano esserci ancora rischi di fiammate occasionali, Hense ritiene che l'inflazione sia molto vicina al suo picco negli Stati Uniti e allo stesso modo in Europa.

Con questo, il team di gestione ritiene che la correzione del reddito fisso stia volgendo al termine. In effetti, la sua previsione è che l'indice del debito pubblico in euro comincerà a generare rendimenti positivi d'ora in avanti. Non alti rendimenti, ma anticipatori di un ambiente favorevole. Sebbene credano ancora che i rendimenti possano correggere di 50 punti base nei prossimi 6-12 mesi, Hense sostiene che i livelli attuali offrano una protezione sufficiente. “Avevamo detto ai nostri clienti di rimanere cauti sul reddito fisso in euro fino a quando il bund tedesco non avesse raggiunto l'1 per cento. Ora pensiamo di essere molto vicini a quell'interessante punto di ingresso", sostiene.

Ed è una posizione che mantengono anche se vedono un'alta probabilità che la BCE aumenti i tassi fino a tre volte nel corso di quest'anno. Dall'altra parte, i rialzi previsti dalla FED potrebbero essere già completamente prezzati. E, in effetti, potrebbe non essere necessario essere aggressivi come previsto. Pertanto, lo scenario più probabile che vede il gestore è che nel 2023 ci sarà una pausa nei rialzi dei tassi.