Una guida alle principali novità introdotte dalle RTS dell'articolo 8 della tassonomia

Normativa, Una guida alle principali novità introdotte dalle RTS dell'articolo 8 della tassonomia
Sylwia Pietruszka, Unsplash

La Commissione europea ha pubblicato dei progetti di norme tecniche di regolamentazione (RTS) che attuano l'articolo 8 del regolamento sulla tassonomia. Lo scopo di questi RTS è di coordinare i requisiti della direttiva sull'informativa non finanziaria (NFRD) con il regolamento sulla tassonomia. L'obiettivo è quello di fornire agli investitori e al pubblico in generale una comprensione più obiettiva delle prestazioni di sostenibilità ambientale delle aziende. finReg360 ha preparato un'ampia guida ai requisiti, modelli, indicatori e loro metodi di calcolo per riflettere il grado di sostenibilità delle attività di ogni entità soggetta a questo regolamento.

1. A CHI SI APPLICANO LE NORME:

La direttiva sarà applicabile a:

  • entità non finanziarie soggette alla NFRD;
  • gestori patrimoniali soggetti alla NFRD;
  • istituti di credito;
  • imprese di investimento soggette alla NFRD;
  • compagnie di assicurazione e riassicurazione.

Quando la proposta di direttiva sulla divulgazione della sostenibilità aziendale (CSRD), che modificherà la NFRD, entrerà in vigore, il suo campo di applicazione sarà esteso ad altre entità e, in particolare, a tutte le società quotate tranne le micro-imprese.

2. CONVERGENZA CON I CRITERI DELLA TASSONOMIA

Come indicato sopra, l'articolo 8 del regolamento sulla tassonomia richiede alle aziende soggette al campo di applicazione della NFRD di segnalare alcuni indicatori sulla misura in cui le loro attività sono allineate alla tassonomia. Le aziende devono pubblicare ogni anno i loro KPI, la metodologia di calcolo, compresi i requisiti di divulgazione qualitativa, e il modello di divulgazione standardizzato. Le entità valutano, in modo standardizzato, se le loro attività contribuiscono sostanzialmente a uno degli obiettivi ambientali della tassonomia rispetto ai KPI.

3. DIVULGAZIONE DEI KPI SECONDO LA NATURA DELL'ENTITÀ

I gestori patrimoniali devono divulgare i loro KPI su:

  • investimenti in gestione, di portafogli collettivi e individuali;
  • proporzione di investimenti fatti in attività economiche coerenti con la tassonomia, calcolata sulla base dei KPI.

Le imprese di servizi di investimento, da parte loro:

  • per gli investimenti per conto proprio: per tipo di attività, compresi i titoli di debito e gli strumenti azionari;
  • per gli investimenti per conto dei clienti: in base al reddito da onorari, commissioni e altri benefici monetari.

Tali entità finanziarie dovrebbero escludere dai calcoli le esposizioni verso Governi centrali, Banche centrali ed emittenti sovranazionali. I derivati e le esposizioni verso imprese che non sono tenute a pubblicare informazioni non finanziarie ai sensi della NFRD sono esclusi dal numeratore nel calcolo dell'KPI.

4. REGOLE COMUNI PER LE ENTITÀ FINANZIARIE E NON FINANZIARIE

I seguenti punti sono evidenziati da finReg:

  • I KPI devono essere accompagnati da informazioni aggiuntive nelle parti della dichiarazione non finanziaria che contengono quegli indicatori;
  • Il contenuto della dichiarazione sarà basato sulle operazioni dell'anno precedente (la prima si riferisce all'esercizio 2023);
  • I KPI coprono solo fino a un massimo di 12 mesi sui due obiettivi seguenti:
    1. Mitigazione del cambiamento climatico.
    2. Adattamento al cambiamento climatico.
  • Si utilizzerà la stessa valuta utilizzata nei bilanci d'esercizio.

5. PERIODO DI TRANSIZIONE

Gli RTS dovrebbero essere applicati a partire dal 1° gennaio 2022. Tuttavia, visto il ritardo nell'entrata in vigore degli RTS della tassonomia sugli obiettivi climatici, le entità avranno un periodo di transizione durante il quale la divulgazione sarà di natura più qualitativa.

In particolare, l'elenco dei KPI non sarà divulgato fino al:

  • 1-1-2023 per le istituzioni non finanziarie;
  • 1-1-2024 per le istituzioni finanziarie;
  • 1-1-2026, eccezionalmente per gli istituti di credito per certi KPI (commissioni non di prestito e il green asset ratio (GAR) sui portafogli negoziati).