Update del M&G (Lux) Emerging Markets Bond Fund

Fondi con Marchio, Update del M&G (Lux) Emerging Markets Bond Fund
Claudia Calich, immagine concessa (M&G Investments)

Il forte aumento dei rendimenti dei titoli di stato e la crescente avversione al rischio in Cina hanno contribuito ad aumentare la volatilità nei mercati emergenti negli ultimi mesi. Ma sullo sfondo della crisi immobiliare nel paese del Dragone che ha dominato i titoli dei giornali nelle ultime settimane, Claudia Calich, gestore del M&G (Lux) Emerging Markets Bond, fondo con Marchio FundsPeople per il 2021 con il rating (BC) Blockbuster e Consistete, non aveva alcuna esposizione a Evergrande in portafoglio da mesi. E oggi non pensa che la crisi che sta colpendo la società di real estate avrà delle ripercussioni sul suo portafoglio. "Nonostante alcuni impatti che causano debolezza tra altri emittenti asiatici ad alto rendimento, le possibilità di un serio di rischio di contagio sembrano relativamente contenute", dice in un'intervista a FundsPeople.

Spiega che le maggiori banche cinesi hanno poca esposizione diretta al mercato immobiliare. Inoltre, la sua ipotesi di fondo rimane che il governo permetterà una ristrutturazione ordinata, se necessario, per ridurre il rischio sistemico. "Il mercato investment-grade denominato in dollari cinesi si è dimostrato resiliente finora. Non abbiamo osservato un panico eccessivo nei mercati dei finanziamenti. Questo suggerisce che gli investitori condividono l'opinione che ci troviamo di fronte ad un problema specifico del settore", sostiene.

VIEW MACRO FAVOREVOLE ALL'ASSET CLASS

Più in generale, il gestore è convinto che il contesto macroeconomico globale rimanga favorevole per i mercati emergenti. "La riapertura globale, i dati macroeconomici abbastanza forti e i buoni guadagni aziendali, nonostante i timori persistenti sull'inflazione, continuano a sostenere l'asset class. Chiaramente, molti investitori stanno guardando da vicino le principali banche centrali per qualsiasi cambiamento di sentiment in futuro. Tuttavia, la crescita dovrebbe continuare fino al 2022, e la pressione inflazionistica - anche se meno transitoria di quanto previsto inizialmente - dovrebbe attenuarsi", spiega l'esperto di M&G Investments.

Sottolinea anche che le vulnerabilità esterne dei mercati emergenti sono più basse rispetto al 2013, il che dovrebbe sostenere molti emittenti sovrani. "Le valutazioni delle obbligazioni emergenti si confrontano favorevolmente con quelle dei mercati sviluppati. In particolare stiamo trovando sacche di valore tra alcuni emittenti ad alto rendimento e alcune valute locali", rivela.

ATTUALE POSIZIONAMENTO DEL PORTAFOGLIO

Calich continua a mantenere un approccio flessibile alla classe di attività, con un posizionamento basato su un portafoglio globalmente diversificato di obbligazioni governative, quasi-governative e societarie dei mercati emergenti in valuta estera e locale. "La nostra filosofia d'investimento go-anywhere ci permette di selezionare le opportunità d'investimento che troviamo più interessanti, senza vincoli di benchmark, da un universo obbligazionario vario e in rapida espansione", evidenzia.

Le attività in valuta forte continuano a costituire la maggior parte della loro esposizione. È stato il segmento dei mercati emergenti con le migliori prestazioni nel terzo trimestre. "La nostra esposizione complessiva è di circa il 70%, con le obbligazioni governative che costituiscono la fetta più grande al 42%", spiega.

Il gestore dice di aver mantenuto un piccolo sottopeso nel debito in valuta locale, con il peso messicano che è il più grande di questi (3% del portafoglio). È anche in sovrappeso verso gli emittenti con i rendimenti più alti al momento: qui Calich ha aggiunto selettivamente dei nomi che offrono un valore interessante, soprattutto tra gli emittenti sovrani denominati in dollari, dove rimane in sovrappeso. Al contrario, è leggermente sottopesato nella duration USA.

CAMBI RECENTI NEL PORTAFOGLIO

Il gestore è diventato sempre più cauto sull'aumento delle valutazioni con il passare dell'anno. Di conseguenza, ha cercato di ridurre il rischio in alcune aree. "Per esempio, a luglio abbiamo comprato dello yen giapponese, prendendo una posizione più difensiva nel complesso. Abbiamo anche venduto alcune esposizioni immobiliari cinesi che, a nostro avviso, non si erano apprezzate a sufficienza. Manteniamo un'esposizione piccola ma molto diversificata al paese, data l'attuale incertezza e le energiche misure recenti del Governo su settori come l'istruzione e il gioco d'azzardo", illustra.

Più recentemente, a settembre, è stato abbastanza Calich è stata abbastanza attiva sul mercato primario. Ha comprato nuove emissioni in Nigeria, Maldive, Ungheria, Egitto e Turchia. Tutte queste erano operazioni di valore relativo finanziate dalla vendita di obbligazioni esistenti sulle rispettive curve di rendimento.

Sul lato aziendale, ha comprato nuove emissioni di Adani Green Energy (India), Access Bank (Nigeria), Total Play (Messico) e il conglomerato sudafricano Bidvest. Ha venduto la sua esposizione all'aeroporto internazionale di Tocumen (Panama City) dopo la sua buona performance, ruotando in obbligazioni sovrane dello stesso paese. Ha anche lasciato Absa Bank (Sudafrica), Burgan Bank (Oman) e Tabreed (Emirati Arabi) per ragioni di valutazione.