BofA: elevato pessimismo tra i gestori e nessun segnale in vista di fine della correzione

Sentiment, BofA: elevato pessimismo tra i gestori e nessun segnale in vista di fine della correzione
Matt Duncan, immagine concessa (Unsplash)

Circola sempre più pessimismo tra i gestori degli investimenti. L'ultima indagine di BofA tra i fund manager dipinge un quadro estremamente scoraggiante. I livelli di liquidità sono ai massimi dall'11 settembre e i gestori hanno il maggior sottopeso in azioni da maggio 2020. E la cosa peggiore? Che sembra un sentiment destinato a proseguire. Perché i gestori si aspettano ancora un rialzo dei tassi, non un taglio, e le valutazioni dei mercati azionari non hanno ancora toccato i minimi.

Sentiment, BofA: elevato pessimismo tra i gestori e nessun segnale in vista di fine della correzione
Fonte: BofA

Nonostante la storica correzione del mercato nella prima metà dell'anno, non si può parlare di reazione eccessiva e non si intravede una fine nel breve termine. L'indicatore FMS Financial Market Stability Risks di BofA si attesta attualmente a 7,5. Un massimo storico. Si tratta di livelli elevati di avversione al rischio, paragonabili a precedenti momenti di crisi (GFC, shock COVID). L'elevato rischio percepito per la stabilità dei mercati finanziari fa pensare a un ulteriore calo dei prezzi delle azioni.

Ancora nessun segnale di fine della correzione

Per il momento, i manager non sono a caccia di opportunità in tutti i settori. In effetti, il posizionamento di maggio del Fund Manager Survey mostra portafogli difensivi. Ad esempio, è in atto un forte allontanamento dalla posizione di sovrappeso nel settore tecnologico, una costante degli ultimi 14 anni. Ora gli investitori sono diventati estremamente ribassisti sul settore. L'allocazione tecnologica è crollata di 23 punti mese su mese, passando a una sottoponderazione netta del 12%. Si tratta della maggiore sottoponderazione netta nel settore tecnologico dall'agosto 2006.

Che cambiamento anche nelle previsioni dei manager sulle banche centrali. Ora si aspettano 7,9 rialzi dei tassi da parte della Fed in questo ciclo di restringimento. Ed è per questo che l'indicatore BofA non mostra alcun segnale di una fine di questa correzione.

Sentiment, BofA: elevato pessimismo tra i gestori e nessun segnale in vista di fine della correzione

Gli investitori rimangono lunghi su liquidità, sanità, materie prime ed energia, mentre evitano le obbligazioni, i consumi discrezionali, l'UE e i mercati emergenti. Nel sondaggio di maggio, i gestori sono diventati ancora più difensivi (materie prime, liquidità, sanità) e hanno ridotto l'esposizione a tecnologia, Stati Uniti, azioni e mercati emergenti.

Sentiment, BofA: elevato pessimismo tra i gestori e nessun segnale in vista di fine della correzione