Bradshaw (J.P. Morgan AM): "Siamo molto vicini a un punto di ingresso interessante nelle obbligazioni"

obbligazionario, Bradshaw (J.P. Morgan AM): "Siamo molto vicini a un punto di ingresso interessante nelle obbligazioni"
Nick Seliverstov, Unsplash

"In realtà, il mondo non è così male come viene rappresentato dai media ". La frase con cui John Bilton ha iniziato un recente seminario tenuto da JP Morgan AM ha conferito ul tono indubbiamente ottimista allo sguardo che il gestore ha nei confronti dell'attuale mercato. "Non importa come si cerchi di leggere o interpretare le cifre, la questione è che semplicemente non vediamo una recessione nel 2022", insiste il capo del team Multi-Asset Solutions.

Bilton comprende la paura che serpeggia al momento per alcuni indicatori, come ad esempio l'inversione della curva negli Stati Uniti. “Si dà per scontato che ciò significhi che siamo diretti verso una recessione, ma il dato da tenere in considerazione è l' incredibile forza dei consumatori, delle banche, delle aziende proprio in questo momento", spiega.

A suo avviso, questa nuvola all'orizzonte non consente loro di vedere la realtà dell'economia. Dopo la pandemia, i risparmi delle famiglie sono saliti a livelli storici, e stiamo assistendo a una crescita salariale negli Stati Uniti. Per Bilton, l'economia è più preparata ad affrontare i rialzi dei tassi rispetto a quanto la curva stia scontando. “La Federal Reserve sta rispondendo proprio a questo: a un'economia a tutto gas. Non cercano soluzioni per contrastare una debolezza”, afferma.

Naturalmente, l'esperto non nega che ci siano crepe nell'economia. L'inflazione elevata avrà inevitabilmente un impatto negativo sui consumi discrezionali. Ma un rallentamento non è una recessione. “Starei attento a non saltare alla conclusione dicendo che i consumi crolleranno”, insiste. E questo va inserito nel contesto delle valutazioni correnti. Pertanto, mentre i risultati aziendali risentiranno di un'economia più debole e tassi di interesse più elevati, questi due fattori sono già stati presi in considerazione nelle stime degli analisti. "I prezzi target sono stati abbassati e con essi i prezzi stessi, non vediamo esuberanza nel mercato attuale", afferma. "L'era del denaro a buon mercato è finita, ma le valutazioni lo prezzano già".

I Paesi emergenti e l'Europa come opportunità

E quel sentiment è condiviso da Myles Bradshaw , gestore del reddito fisso di fondi aggregati. Infatti è appena passato il peggior trimestre per il reddito fisso dal 1980. I rendimenti hanno subito una correzione tale da essere tornati a livelli storicamente normali. A questo punto, non è il momento di pensare alla vendita. In realtà, tutto il contrario. "Si deve guardare alle varie opzioni e pensare a cosa si vorrà selezionare dal mercato perché siamo molto vicini a vedere interessanti opportunità", afferma. 

E se dovessero individuare un'area del mercato, sia Bradshaw che Bilton citano i mercati emergenti. "Mi sto concentrando su questi mercati in questa fase", dice Bilton. Per l'esperto, ci sono già molte cattive notizie e l'asset class è rimasta molto indietro. E Bradshaw è d'accordo dal lato del reddito fisso, dove si è aggiunto il fatto che le banche centrali dei Paesi emergenti sono nella fase finale del loro ciclo di rialzo dei tassi.

"È troppo tardi per farsi prendere dal panico, ora è il momento di cercare opportunità", concorda Rajesh Tanna, manager dell'equity team. Il professionista, nello specifico, le trova sul mercato azionario europeo. "Ogni volta che c'è una crisi, l'Europa ne esce più forte", spiega. E in questo momento è possibile vedere le azioni europee scambiare a livelli di stress solo perché stanno negoziando nel punto in cui si trovano. "Proprio perché c'è una guerra alle porte dell'Europa, le loro azioni sono state corrette in un modo così aggressivo che non si vedeva dai tempi della crisi del covid", sostiene. E secondo lui, vendere un'asset class solo per questioni geopolitiche è un errore