Cosa c'è nel portafoglio dell'ex re dei bond? Pipeline di gas naturale

Bill Gross, Cosa c'è nel portafoglio dell'ex re dei bond? Pipeline di gas naturale
Bill Gross, forto ceduta (PIMCO)

Il mercato obbligazionario potrebbe aver già registrato il suo massimo e diventare il potenziale bersaglio per futuri investitori ribassisti. Questo è l'avvertimento di Bill Gross, l'ex re delle obbligazioni, nel suo ultimo Investment Outlook. Il fondatore di PIMCO ed ex manager di Janus Henderson sostiene che i mercati obbligazionari hanno probabilmente visto i loro minimi storici sul lungo termine. Ma allo stesso tempo manda un altro messaggio: "le aspettative per un mercato dell'orso di 30 anni per eguagliare il precedente mercato toro di 30 anni sono decisamente esagerate", scrive.

Gross vede il Treasury USA a 10 anni, ora all'1,60%, come probabile che si diriga verso il 2% nei prossimi 12 mesi. "Questo è ribassista e probabilmente fornirà un segnale negativo contro i rendimenti totali 2022 per gli obbligazionisti", riconosce. Ma avverte anche: non è un disastro.

E quando in passato aveva sostenuto che le obbligazioni sono spazzatura, si riferiva più al loro valore relativo rispetto alle alternative. Per esempio, cita NUAN (un'acquisizione di Microsoft che vede con un probabile ritorno dell'8% annualizzato prima della fine dell'anno) o XLRN (un'acquisizione di Merck che vede come probabile fare lo stesso).

"I giorni del vino e delle rose delle obbligazioni possono essere finiti", insiste, "ma le raccomandazioni passate su carciofi e avocado possono funzionare bene in una fase in cui gli investitori si aspettano incertezze legate al bilancio degli Stati Uniti, la crescita del PIL in Cina e l'aumento dei prezzi dell'energia mentre ci dirigiamo verso l'inverno nell'emisfero nord", suggerisce.

Cosa c'è nel portafoglio di Bill Gross: gas naturale

Allora, cosa ha il re delle obbligazioni nel suo portafoglio? Secondo la lettera agli investitori, il suo portafoglio è anche ben equipaggiato con partnership di gasdotti di gas naturale. Si tratta di strumenti finanziari quotati alla Borsa di New York. Offrono pagamenti differiti dalle tasse sui dividendi che rendono tra il 7% e il 10% ai prezzi di mercato attuali. "Gli investitori individuali non amano queste aziende a causa dei complicati requisiti di deposito delle tasse in aprile. E la maggior parte dei fondi comuni e delle istituzioni non li comprano perché sono tecnicamente partnership, non azioni", spiega Gross.

Quindi manca l'interesse azionario, ma è per questo che danno un rendimento defiscalizzato del 7-10%. Naturalmente, sono sensibili ai prezzi del petrolio, quindi bisogna fare attenzione, avverte. "Ma le loro prospettive per il petrolio a 70-80 dollari sono buone e il 7-10% sarà probabilmente un rendimento abbastanza decente se i tassi di interesse salgono anche un po' verso il 2%", sostiene.

Per gli investitori disposti a fare il grande passo, un ETF sulle pipeline di dimensioni considerevoli che rende il 7,2% ed è tecnicamente uno stock, non una partnership, potrebbe soddisfare le esigenze di portafoglio, propone. Il suo simbolo di ticker è AMLP. "Non ci sono garanzie qui, i prezzi fluttuano come si dice, ma in questo caso mi potete impiccare solo una volta - mi riservo la seconda per il prossimo outlook di investimento!" conclude.