Cosa sta succedendo sui mercati? Una guida per spiegare la correzione in atto

Mercati azionari, Cosa sta succedendo sui mercati? Una guida per spiegare la correzione in atto
Valdemaras, (Unsplash)

Il peggior inizio d'anno per l'S&P 500 in sei anni. E il Nasdaq è entrato in territorio di correzione. "Raramente c'è stato così tanto stress sui mercati in questo periodo dell'anno", riconosce John Plassard di Mirabaud AM. Le cifre di Plassard dipingono un quadro a tinte fosche per i mercati azionari. Il principale listino USA è sceso per quattro giorni consecutivi lo scorso venerdì, incassando la sua peggiore settimana in quasi due anni. Ieri ha chiuso in leggero rialzo, ma l’incertezza resta elevata. Nel complesso, nel mese di gennaio l'S&P 500 è alle prese con il suo peggiore inizio dal 2016. E ancora: il Nasdaq Composite è sceso di oltre il 10% dal suo ultimo massimo, con un calo che Wall Street descrive come una correzione. "Ma non è tutto", ricorda l'esperto. Anche il mercato delle obbligazioni è in disordine.

A cosa sta reagendo il mercato? Rob Almeida, stratega e gestore di investimenti presso MFS IM, cita due cose: tassi più alti e rallentamento della crescita. "L'aumento dei tassi sgonfia le valutazioni di tutti gli attivi di rischio", spiega. Allo stesso tempo, il rallentamento della crescita significa flussi di cassa (guadagni) inferiori alle aspettative, che rischiano di essere deludenti a causa dell'aumento dei costi (come lavoro, energia, tariffe)”.

Si tratta dunque di un confronto con la realtà. "I mercati azionari e le obbligazionari sono state svegliate dal loro stato di quiete e di bassa volatilità dalle banche centrali che minacciano di rimuovere la politica monetaria ultra-allentata", descrive Paul Brain, gestore di Newton (BNY Mellon IM). "Alla fine, la minaccia di costi di prestito più elevati e l'impatto a lungo termine sui guadagni a causa di costi più elevati causati dall'inflazione sta costringendo un ripensamento delle prospettive per alcune aziende che commerciano a multipli dei guadagni attuali", dice.

Sebastien Galy, capo della strategia macro di Nordea AM, è d'accordo, citando la Fed come il cuore del problema di questa volatilità. In particolare, l'intensità e la tempistica della riduzione del bilancio della banca centrale. E aggiunge un altro timore crescente: la probabilità di una guerra in Ucraina che potrebbe far esplodere le tensioni nella regione. "Il segnale che il Regno Unito e gli Stati Uniti stanno evacuando il loro personale delle ambasciate è visto con una certa cautela", dice.

Oltre a tutto questo, sul presente si proiettano anche i fantasmi del passato. La Cina è stata fonte di preoccupazione l'anno scorso e nel 2022 la situazione resta da valutare. "Il potere economico della Cina è così grande che anche piccole oscillazioni nella sua traiettoria di crescita influenzano gli altri paesi dell'Asia", sottolinea Peter Van der Welle, stratega di Robeco.

La geopolitica è il primo cigno nero del 2022?

Il primo cigno nero del 2022 potrebbe essersi materializzato con le tensioni geopolitiche in rialzo nelle fonti di rischio, dato che il conflitto in Ucraina ha subito una brusca escalation nel giro di pochi giorni.

Axel Botte, global strategist di Ostrum AM (Natixis IM), delinea quanto velocemente questo inasprimento della situazione potrebbe avvenire. "La situazione in Ucraina sta peggiorando di ora in ora e sta pesando sui mercati azionari nei Paesi baltici e in Finlandia a causa delle notizie sull'invio di truppe nelle basi NATO. A sua volta, la Germania si è unita agli Stati Uniti nell'avvertire la Russia che le sarebbero state imposte sanzioni se avesse invaso l'Ucraina. Le consegne di gas della Russia alla Germania sono attualmente minime, esacerbando il rallentamento della più grande economia dell'eurozona (insieme alle restrizioni COVID)", riassume.

"Se gli Stati Uniti spingessero per un aumento delle forniture di GNL all'Europa, gli interessi dei Paesi della NATO si allineerebbero per una risposta potente. L'UE ha appena esteso i finanziamenti all'Ucraina, un altro segno di una più forte opposizione coordinata alla Russia", interpreta l'esperto.

In queste circostanze, è improbabile che i prezzi del gas a breve termine si ritirino definitivamente, dicono da EdRAM. E se le cose si mettono male, Chris Iggo, Chief Investment Officer of Core Investments di AXA IM, vede una fuga verso gli asset rifugio. Per come la vede lui, i beni rifugio sarebbero favoriti, le azioni sprofonderebbero a causa dei rischi per la crescita economica, e il dollaro si impennerebbe contro l'euro perché una guerra in Ucraina sarebbe un problema pratico molto immediato per l'Europa (rifugiati, prezzi del gas naturale ancora più alti, la necessità di una risposta unita delle nazioni dell'UE). "La situazione si complicherebbe molto rapidamente in base alla risposta dell'Occidente. Quanto brutale diventerebbe il conflitto, se ad esempio la Bielorussia entrasse nella mischia, e quali sanzioni o azioni finanziarie ed economiche entrambe le parti prenderebbero?", analizza.

Perché la Fed è così preoccupata?

Un aumento dei tassi in teoria non dovrebbe essere un motivo di preoccupazione. Dopo tutto, è un segno che l'economia è sulla strada giusta. Il problema è quando viene applicato nella pratica.

Lo spettro dell'ultima volta che la Fed ha alzato i tassi sta perseguitando i mercati. Nel 2018 Jerome Powell ha aumentato i tassi e ridotto il bilancio. "Il risultato è stato un anno doloroso per tutte le asset class. I rendimenti delle obbligazioni sono aumentati e i prezzi delle azioni sono scesi. L'unico posto dove nascondersi quell'anno erano i contanti", ricorda James Athey, il direttore degli investimenti di abrdn.

Ma ciò che preoccupa di più Athey è che quest'anno potrebbe essere ancora più dirompente. Partiamo ora da valutazioni più esigenti e con cambiamenti nella politica fiscale. "Ancora più importante, l'inflazione si sta muovendo a un ritmo che non abbiamo sperimentato dalla fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90", aggiunge.

Alla fine dello scorso anno, molti temevano che la Fed potesse fare un errore di politica monetaria. Alcuni credono che abbia già fallito. "La gente mi chiede: la Fed farà un errore? L'hanno già fatto, abbiamo un'inflazione al 7%, quale potrebbe essere un errore politico più grande che non rispondere a questo?" nota Richard Bernstein, CEO di Richard Bernstein Advisors (RBA). Luca Paolini, chief strategist di Pictet AM, è pienamente d'accordo con questa visione. Per lui, il più grande rischio è un'inflazione devastante che colpisce la spesa dei consumatori nel momento in cui la crescita dell'occupazione raggiunge il picco. "Il punto è che l'inflazione è una tassa. E la peggiore. Il peccato originale delle banche centrali è quello di vedere l’aumento dei prezzi delle attività come parte della soluzione, attraverso l'effetto ricchezza, e non semplice inflazione", dice.