Fed: al via la normalizzazione della politica monetaria. Prime reazioni degli asset manager internazionali

Politiche monetarie, Fed: al via la normalizzazione della politica monetaria. Prime reazioni degli asset manager internazionali
Jerome Powell, foto concessa

Negli Stati Uniti è iniziato un nuovo ciclo di normalizzazione monetaria. Attenendosi al copione, la Federal Reserve ha aumentato i tassi di interesse di 25 punti base. Si tratta del primo rialzo dal 2018. E potrebbe essere il primo di molti. Perché secondo l'ultimo dot plot presentato alla riunione di marzo, la previsione del comitato della Fed è che ci saranno fino a sette aumenti solo nel 2022. In altre parole, un aumento di 25 punti base in ognuna delle riunioni rimanenti dell'anno.

Il tono della Fed è divenuto innegabilmente falco. Anche se la banca centrale insiste che continuerà a calibrare la sua politica in base ai dati macro, in questo momento lo scenario di base è di sette aumenti dei tassi nel 2022 e altri quattro nel 2023. "Questo va oltre le aspettative del mercato", commenta Christian Scherrmann, economista di DWS. La linea dura sui tassi d'interesse riflettono un'alta fiducia nella forza sottostante dell'economia: le proiezioni di crescita e inflazione per il 2023 e il 2024 stanno convergendo verso i loro livelli di equilibrio senza grandi danni per il mercato del lavoro.

In questa riunione, la notizia è ciò che trasmette il dot plot, il grafico dei punti che mostra i voti dei membri del FOMC. Un punto chiave fatto emergere da Axel Botte, stratega globale di Ostrum AM (una filiale di Natixis IM), è che mostra la probabilità che la banda superiore della gamma dei tassi dei fed funds raggiunga il 2% entro la fine dell'anno. E cosa significa questo? Significa che a un certo punto sarà necessario un aumento di 50 punti base.

La Federal Reserve inizia la normalizzazione monetaria: prime reazioni degli asset manager internazionali

Un ritorno al volckerismo

Il sentimento tra i gestori di fondi è diviso. Alcuni comprendono la necessità della Fed di continuare sulla strada della normalizzazione, mentre altri discutono il pericolo della stagflazione.

La Fed ha resuscitato il volckerismo, dice Salman Ahmed, capo globale di macro e asset allocation strategica di Fidelity International. A suo parere, il focus della Fed sarà sulla lotta all'inflazione nonostante l'incertezza creata da questa guerra, creando ulteriori venti contrari per i mercati. Da un punto di vista di asset allocation, implica che rimarranno cauti sia nelle azioni che nel credito.

Nonostante la correzione al ribasso, esperti come Raphael Olszyna-Marzys, economista della Banca J. Safra Sarasin, si preoccupano che la previsione della Fed per l'economia statunitense sia forse troppo ottimistica. "La sua previsione per quest'anno è stata rivista notevolmente al ribasso, ma Powell ha detto che questo riguardava più le conseguenze della guerra che una politica più severa e avverrà senza danneggiare il mercato del lavoro (il tasso di disoccupazione è rimasto sostanzialmente invariato nel suo orizzonte di previsione). Molte cose dovranno andare bene perché questo scenario si concretizzi", commenta l'esperto.

Non è una scelta facile

Altre società, come Invesco, d'altra parte, lo vedono come un passo ragionevole per avvicinarsi a ciò che registrano i dati. E preparare il terreno per ulteriori revisioni se necessarie entro il 2023. Il team strategico di analisi macro globale evidenzia diversi punti del discorso di Jerome Powell. In primo luogo, l'enfasi sulla forza del mercato del lavoro. La Fed ha infatti sottolineato che il mercato del lavoro è estremamente teso, con i salari che stanno aumentando a una velocità che non si osservava da molti anni. Su questa linea, il Comitato ritiene che una recessione nel 2022 sia improbabile. Quindi la Fed ha rafforzato l'idea che la riduzione del bilancio può essere pensata in termini di aumenti dei tassi di interesse. E Invesco sottolinea un messaggio: la riduzione del bilancio sarà più veloce dell'ultima volta.

"I politici devono eseguire un pericoloso atto di bilanciamento", analizzano Jason England e Daniel Siluk, manager di Janus Henderson. È una preoccupazione per un certo numero di gestori di fondi: cosa succede se le banche centrali fanno un errore? "Se la Fed stringe troppo, l'economia statunitense potrebbe andare in recessione. Se cade dietro la curva e le aspettative d'inflazione aumentano, le valutazioni delle obbligazioni potrebbero essere sotto pressione, poiché vengono imposti sconti più profondi per compensare il calo del valore dei flussi di cassa futuri", dicono i manager.

Infatti James McCann, vice capo economista di abrdn, direbbe già che la Fed è dietro la curva. "La riunione di ieri ha mostrato una banca centrale che si sta affrettando a recuperare", dice. Di conseguenza, McCann teme che i tassi più alti saranno più dannosi per la crescita e il mercato del lavoro di quanto il FOMC abbia stimato. "Soprattutto perché la politica passa da solidale a stretta nel 2023", spiega.

I gestori di fondi valutano il rischio di recessione

Di conseguenza, i gestori di fondi stanno iniziando a valutare l'alta probabilità che l'economia statunitense scivoli nella recessione. "La nostra previsione di base continua a prevedere aumenti dei tassi nelle prossime riunioni della Fed e un ulteriore significativo inasprimento della politica della Fed nel corso dell'anno. Questo ritmo più veloce di inasprimento aumenta il rischio di un atterraggio brusco più avanti e suggerisce un rischio maggiore di recessione nei prossimi due anni", sostiene Allison Boxer, economista del mercato US di PIMCO.

Anche Sandrine Perret, economista di Vontobel, è d'accordo. "Condividiamo la visione di Powell di un basso rischio di recessione quest'anno negli Stati Uniti, ma i rischi di una recessione negli Stati Uniti nel 2023 aumenteranno con così tanti aggiustamenti previsti", dice. Infatti l'esperto insiste: il rischio che la Fed stringa troppo le sue politiche quest'anno non è trascurabile, anche se i dubbi potrebbero iniziare ad apparire nella seconda parte dell'anno.

L'inflazione stabilisce il percorso della politica monetaria

Nonostante le tensioni geopolitiche, la lotta contro l'inflazione rimane la priorità delle banche centrali. Lo abbiamo visto alla riunione della BCE della settimana scorsa e si ripete questa settimana con la Fed. "Powell è ben consapevole del rischio di una spirale salari-prezzi. Più a lungo l'inflazione rimane elevata, maggiore è il rischio che si sedimenti attraverso le aspettative e le dinamiche di formazione dei salari. E i recenti sviluppi negli indicatori dell'inflazione e del mercato del lavoro indicano già alcuni effetti collaterali emergenti", commenta Silvia Dall'Angelo, economista di Federated Hermes.

E Nicolas Forest, global head of fixed income di Candriam, è d'accordo: l'inflazione è ora il principale nemico della Fed. Avendo accettato una scivolata sopra il suo obiettivo, Powell vuole riprendere la normalizzazione monetaria, rallentando delicatamente l'economia statunitense. "Tuttavia, questo tipo di politica di normalizzazione non finisce sempre bene", dice Forest. "La Fed ha iniziato il suo ciclo di restringimento più tardi del solito, in un momento in cui l'inflazione non è mai stata così alta e le condizioni finanziarie potrebbero anche peggiorare", dice. Questo rende l'obiettivo del 2,80% ambizioso a suo parere.
È qualcosa che preoccupa anche Gregor Hirt, chief investment officer del Global Multi-Asset, e Martin Hochstein, senior economist di Allianz Global Investors. "La Fed sta cercando un atterraggio morbido, ma guardando alla storia, le possibilità di un tale risultato sembrano piuttosto scarse. Quattro degli ultimi cinque cicli di aumento dei tassi negli Stati Uniti sono stati seguiti da una recessione", ricordano.