Fund Manager Survey: i gestori portano l'allocazione obbligazionaria al livello più alto da marzo 2009

Performance News
Jeremy Lapak (Unsplash)

Il ritorno del pessimismo degli investitori spinge i gestori professionali a destinare alle obbligazioni l'allocazione maggiore dal marzo 2009. Il sentiment riflesso dall'ultima Fund Manager Survey di BofA di aprile è il più negativo finora nel 2023. I gestori intervistati hanno ridotto l'allocazione agli asset rischiosi come le azioni e le loro prospettive di crescita sono peggiorate fino a raggiungere i livelli del dicembre 2022, simili al tono negativo dell'ottobre 2008.

Circa il 63% degli investitori prevede un'economia più debole. Questo dato è in aumento rispetto al mese scorso. Di fatto, le aspettative di crescita rimangono vicine ai minimi storici. Eppure questa svolta negativa non si è ancora verificata nell'S&P 500, come si vede nel grafico seguente.

Timore di un credit crunch

Gran parte della negatività si spiega con i recenti avvenimenti nel settore bancario. Infatti, la crisi del credito bancario e la recessione globale sono improvvisamente balzate in cima alla lista dei maggiori rischi di coda rilevati dai gestori.

I timori di una stretta del credito spingono l'allocazione alle obbligazioni, che è aumentata di 9 punti percentuali, raggiungendo un sovrappeso netto del 10%, il maggiore da marzo 2009. Allo stesso tempo, la sottoponderazione degli investitori verso le azioni rispetto alle obbligazioni è a livelli mai visti dalla crisi finanziaria globale. E si tratta di un'avversione piuttosto focalizzata sulle criticità del mercato. In aprile, gli investitori del FMS hanno continuato a ridurre l'allocazione a banche e assicurazioni. Pertanto, l'allocazione al settore finanziario è scesa al livello più basso da maggio 2020.

Tagli dei tassi: entro il 2024

Di pari passo con il peggioramento delle prospettive macro, è cresciuto anche il numero di gestori che prevedono tagli dei tassi negli Stati Uniti nei prossimi 12 mesi. Il 35% dei manager si aspetta che la Federal Reserve inizi il suo ciclo accomodante nel primo trimestre del 2024, ma il 28% lo vede già nell'ultimo trimestre di quest'anno. Il 14% lo prevede nel terzo trimestre del 2023 e il 10% in questo trimestre.

Queste aspettative sono in linea con quelle dei mercati obbligazionari, che attualmente prevedono tagli di 12 punti base nel terzo trimestre del 2023, 37 punti base nel quarto trimestre, 36 punti base nel primo trimestre del 2023 e 47 punti base nel secondo trimestre del 2024.

Ciò coincide, inoltre, con un'aspettativa di inflazione più morbida. L'84% degli intervistati prevede un calo dell'IPC

Implicazioni per l'asset allocation

E come influisce sul posizionamento? I livelli di liquidità rimangono al 5,5%, invariati rispetto al mese precedente. Si tratta ancora di un livello elevato. Qualsiasi numero superiore al 5% attiva un segnale di acquisto da parte dell'indicatore BofA. Sono ormai 17 mesi consecutivi, un periodo di tempo eclissato solo dai 32 mesi del mercato orso delle DotCom.

Inoltre, i gestori stanno tornando a privilegiare i difensivi (utilities, commodities, healthcare) rispetto ai ciclici (discrezionali, banche, energia, materiali), grazie alle ampie rotazioni dalle banche e dai materiali verso healthcare e utilities.