Gli esperti iniziano a prevedere un forte aumento dell'inflazione a breve termine

inflazione, Gli esperti iniziano a prevedere un forte aumento dell'inflazione a breve termine
Imelda (Unsplash)

Se si va oltre l'incertezza che circonda la guerra, la preoccupazione maggiore resta l'inflazione. I prezzi aumenteranno a causa degli shock dell'offerta di petrolio e gas? È una delle tante domande che si pongono al momento gli investitori, che in questi giorni guardando attentamente la situazione macroeconomica per prendere decisioni di asset allocation. Analizziamo gli scenari negli Stati Uniti e in Europa.

L'inflazione negli Stati Uniti

Chris Iggo, CIO Core Investments, AXA IM, riconosce che "c'è la possibilità di un grande balzo dell'inflazione a marzo dopo l'aumento dei prezzi mondiali del petrolio causato dall'invasione dell'Ucraina". L'esperto propone due scenari, avvertendo che uno di essi sarebbe negativo per i mercati. Il primo, prevederebbe un tasso del 10% all'anno per l'IPC statunitense. "Sarebbe sorprendente. In quanto richiederebbe una variazione mensile dell'indice intorno al 2,6%. Sarebbe il più grande aumento mensile dell'indice dal 1947".

Il secondo scenario sarebbe caratterizzato da un tasso di inflazione del 9% all'anno. "Richiederebbe il quarto aumento mensile più grande da allora. I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono aumentati del 21% a marzo e hanno un peso sul IPC di poco superiore al 3,7%, che da solo potrebbe contribuire fino allo 0,78% alla variazione mensile. Ma, anche se molte altre cose dovrebbero crescere in modo significativo, questo è possibile", riconosce l'esperto.

Inflazione in Europa  

Quando si parla di inflazione dell'eurozona, si può presumere che un aumento del 10% del prezzo del petrolio equivalga a un aumento dello 0,3% dell'inflazione. "Ciò significa che lo stesso aumento del 60% aggiungerebbe l'1,8% al tasso di inflazione complessivo. I prezzi del gas sono difficili da calcolare perché sono mercati regolamentati in cui i prezzi sono spesso fissi. Tuttavia, dato che i prezzi di gas ed elettricità rappresentano il 4% del paniere di consumo, un aumento del 10% potrebbe equivalere a un aumento dell'inflazione di 0,3 punti percentuali”, spiega Lewis Aubrey-Johnson, director of Fixed Income Products, Invesco.

A suo avviso, nonostante i prezzi spot siano aumentati del 200%, gli acquisti effettuati a questo prezzo sono pochi. "Invece, dovremmo guardare ai mercati dei futures dove gli aumenti dei prezzi sono stati più modesti. I prezzi del gas sono aumentati del 50%, il che potrebbe equivalere a un ulteriore aumento del tasso di inflazione nominale dell'1,5%. L'impatto inflazionistico combinato di petrolio e gas potrebbe aggirarsi intorno al 3%”, rivela.

Tuttavia, l'inflazione potrebbe anche essere influenzata dalle sfide nei settori dei metalli e delle materie prime leggere. “Cercare di stimare l'IPC in questo periodo è molto difficile e tali aumenti dovrebbero essere sostenuti. Tuttavia, il quadro generale indica che l'inflazione potrebbe aumentare, potenzialmente in modo molto significativo" conclude.