La BCE tiene a bada i falchi: le reazioni dei gestori internazionali

Politiche monetarie, La BCE tiene a bada i falchi: le reazioni dei gestori internazionali
Christine Lagarde. Foto concessa (Sanziana Perju BCE)

Nell'ultima riunione della Banca centrale europea, Christine Lagarde ha riconosciuto di aver discusso a lungo un tema chiave: l’inflazione. E la Presidente dell'Istituto monetario è stata chiara nella sua posizione. Per la BCE, gli attuali livelli di inflazione sono transitori. Un effetto passeggero causato dai prezzi dell'energia, le strozzature indotte dalla pandemia e la domanda dei consumatori che ha superato l'offerta. I prezzi aumenteranno a breve termine, durerà più a lungo di quanto si pensasse, ma l'inflazione scenderà l'anno prossimo.

Tuttavia il suo discorso si scontra frontalmente con le aspettative del mercato, che continuano a scommettere che la BCE dovrà inevitabilmente essere più falco. La lettura data dal mercato obbligazionario è che il tapering arriverà presto e velocemente in Europa. E stanno anche iniziando a scontare un aumento dei tassi della BCE nel 2022. Niente potrebbe essere più lontano da ciò che Lagarde sta sostenendo. La BCE non prevede un rialzo in un orizzonte di tre anni.

Lagarde contro i mercati

Ciò che è chiaro è che il divario tra la guida della BCE e le aspettative del mercato dovrà chiudersi. Peter Allen Goves, analista di reddito fisso presso MFS IM, pensa che sia improbabile che sarà così per sempre. "O la BCE aumenta in linea con le aspettative del mercato o non lo fa", prevede. E Nicolas Forest, global head of fixed income di Candriam, è d'accordo. Forest non ha dubbi che la BCE rivedrà al rialzo le sue previsioni d’inflazione a dicembre. Ma crede anche che il mercato continuerà a testare la banca centrale sulla sostenibilità delle pressioni inflazionistiche nelle prossime settimane. "Come risultato, i tassi a breve termine sono aumentati significativamente dopo la riunione, rafforzando l'incoerenza. Un'incongruenza che prima o poi dovrà essere risolta", commenta.

Vedremo chi vincerà la lotta. Sebastien Galy, capo della strategia macroeconomica di Nordea AM, è chiaro su chi stia perdendo: la BCE. "La decisione di combattere le aspettative premature di rialzo dei tassi è difficile da capire per il mercato e le famiglie", insiste. Non avrebbe mai potuto essere una conferenza stampa facile per Largarde, riconosce Helen Anthony, gestore di portafoglio a reddito fisso di Janus Henderson. "È una posizione difficile per la BCE, che si basa su una credibilità duramente conquistata per quella che è essenzialmente una scommessa, ovvero che l’inflazione sia in gran parte transitoria", aggiunge Galy. E ricordiamoci che ha già dovuto cedere e riconoscere che questa transitorietà sta durando più a lungo del previsto. Quindi Galy non esclude che questo diventi una questione politica in tutta la zona euro. E che la BCE potrebbe anche dover stringere la politica monetaria, nonostante crede abbia poco senso nel lungo periodo.

Vedremo chi vincerà la lotta. Sebastien Galy, capo della strategia macroeconomica di Nordea AM, è chiaro su chi sta perdendo: la BCE. "La decisione di combattere le aspettative premature di rialzo dei tassi è difficile da capire per il mercato e le famiglie", insiste. Non sarebbe mai stata una conferenza stampa facile per Largarde, riconosce Helen Anthony, gestore di portafoglio a reddito fisso alla Janus Henderson. Certamente non aiuta i dati sull'inflazione come quelli che sono usciti dalla Spagna. Un aumento storico del 5,5%. "È una posizione difficile per la BCE, che si basa su una credibilità duramente conquistata per quella che è essenzialmente una scommessa che questa inflazione è in gran parte transitoria", aggiunge Galy. E ricordiamoci che hanno già dovuto cedere e riconoscere che questa transitorietà sta durando più a lungo del previsto. Quindi Galy non esclude che questo diventi una questione politica in tutta la zona euro. Che la BCE potrebbe anche dover stringere la politica monetaria anche se crede che abbia poco senso nel lungo periodo.

Il mercato continua ad aspettarsi una BCE più hawkish

Con il discorso di oggi, la BCE rimane una delle banche centrali più accomodanti. Ma il mercato rimane poco convinto. "Il mercato rimane nervoso per il rischio d'inflazione a breve termine, ma il suo messaggio di stabilità è stato chiaro", riconosce Charles Diebel, responsabile del reddito fisso di Mediolanum International Funds. E Pietro Baffico, economista di abrdn, è d'accordo: "Il rischio di pressione inflazionistica sta erodendo la fiducia degli investitori, che ora aspettano con ansia la riunione di dicembre, che rivaluterà anche il futuro dei programmi di QE”, dice.

Come fa giustamente notare Konstantin Veit, portfolio manager di PIMCO, i prezzi del mercato per il primo rialzo dei tassi non sono cambiati sostanzialmente dopo la riunione. "Questo probabilmente indica che i mercati stanno mettendo in dubbio la determinazione e l'impegno della BCE nella nuova strategia di politica monetaria, dati la lunga storia di risultati disattesi nel raggiungere l'obiettivo di stabilità dei prezzi", interpreta.

E la BCE non sta giocando le carte a suo favore. In primo luogo, come sottolinea giustamente Morgane Delledonne di Global X, la divergenza della BCE dalle altre banche centrali potrebbe pesare di più sull'euro rispetto alle principali valute. Questo rafforzerebbe le pressioni inflazionistiche in Europa a medio termine. In secondo luogo, si aspetta che i prezzi dell'energia rimangano volatili mentre l'Europa si muove verso un'economia a emissioni nette zero.

Fine del PEPP nel 2021?

Non tutti gli esperti sono contro la Lagarde. Per Johannes Müller, head of Macro Analysis di DWS, la BCE è ancora sulla strada giusta, in linea con le sue aspettative e quelle di molti analisti. Karsten Junius, capo economista della Banca J. Safra Sarasin, è di un'opinione simile. L'economista si aspetta che la BCE continui a inviare messaggi moderati, il che dovrebbe portare a tassi di interesse più bassi nella parte breve della curva dei rendimenti.

Così, la riunione di dicembre diventa ora la chiave per i mercati. Non solo ci sarà più chiarezza sul futuro dell'inflazione, ma potrebbero anche essere annunciati cambiamenti ai programmi di acquisto della BCE. Lagarde ha confermato le sue aspettative che il programma di acquisto economico pandemico (PEPP) sarà eliminato alla fine di marzo. "Se vuole evitare l’effetto di orlo del precipizio, dovrà decidere se aumentare i suoi acquisti regolari di asset (APP) o lanciare un programma successivo al PEPP che sia altrettanto flessibile", spiega Junius.

Questo è ciò che i gestori patrimoniali stanno aspettando: grandi decisioni. "Continuiamo a credere che l'APP aumenterà leggermente a circa 40 miliardi di euro al mese per evitare un brusco calo degli acquisti netti. Crediamo anche che una certa flessibilità debba essere trasferita dal PEPP alla APP", dice Hugo Le Damany, economista di AXA IM.