L'inflazione USA raggiunge i massimi da 30 anni: possiamo ancora parlare di un aumento transitorio?

Politiche monetarie, L'inflazione USA raggiunge i massimi da 30 anni: possiamo ancora parlare di un aumento transitorio?
Luke Michael, foto concessa (Unsplash)

Ci si aspettava una cifra alta, ma non così alta. Mercoledì scorso negli Stati Uniti è stato pubblicato un dato sull'IPC che ha lasciato più di un analista senza parole. E i mercati si sono chiesti se il carattere transitorio che accompagna sempre la parola inflazione possa decadere. In particolare, i prezzi sono aumentati dello 0,9% in ottobre rispetto a settembre, molto più dello 0,6% previsto. E questo dato ha portato il dato dell'IPC su base annua al 6,2%, che è già il dato più alto dal 1991.

Ma la cosa più preoccupante è che questo aumento non è stato visto solo nell'inflazione principale, ma anche nell'inflazione di base, che si è attestata al 4,6%, anche questo un massimo di 30 anni. Alcuni esperti fanno notare che la cosa più significativa è proprio il dato sull'inflazione di base, dato che fino ad ora l'argomento principale a sostegno di un'inflazione transitoria si è basato sul fatto che erano soprattutto le voci ad alta volatilità come l'energia o gli alimenti a salire, dati che possono poi scendere rapidamente con la stessa forza con cui sono salite.

Anche se l'energia è stata la voce che ha avuto il maggiore impatto su questo nuovo aumento dei prezzi, non è stata affatto l'unica. "I prezzi delle abitazioni sono aumentati dello 0,5 per cento. I prezzi dei beni di base, che includono molti articoli colpiti dalle strozzature della catena di approvvigionamento, sono aumentati dell'1% dopo un aumento molto più ridotto dello 0,2% a settembre", ricorda David Kohl, capo economista di Julius Baer. "Il rapporto CPI di ottobre ha mostrato che i prezzi di una vasta gamma di prodotti al dettaglio sono aumentati più del previsto, poiché i consumatori hanno anticipato i loro acquisti per le vacanze, e l'accelerazione nelle categorie di alloggio negli ultimi due mesi è stata anche più forte del previsto", dice Tiffany Wilding, economista statunitense di PIMCO.

Fino a quanto durerà la pazienza della Fed?

In questo contesto, gli addetti ai lavori cominciano a chiedersi se il periodo di transizione con cui la Fed di Powell giustifica i suoi tassi allo 0% comincia ad essere più vicino all'utopia che alla realtà. "Questo lungo periodo di transizione metterà sotto pressione la Fed, ma è motivo di dubbio che agirà prima della fine del 2022. Non solo c'è un periodo prolungato d'inflazione superiore al target nelle previsioni della Fed, ma il suo focus primario sul raggiungimento della massima occupazione suggerisce che la Fed manterrà una posizione più paziente", dice Seema Shah, chief strategist di Principal Global Investors. Un'altra cosa sarà l'impatto che questi aumenti avranno sui consumatori, che potrebbero ritardare i loro acquisti di fronte all'aumento dei prezzi, e sugli investitori, che potrebbero iniziare a cercare paradisi sicuri per proteggersi dall'aumento dei prezzi. Infatti, l'oro ha accumulato guadagni di quasi il 2% solo da mercoledì. E in base a quanto spiegato da Capital Group, è il livello del 6% quello oltre il quale l'inflazione ha avuto un impatto negativo sul reddito fisso e sui mercati azionari.