Marsh (T. Rowe Price): "Accurata selezione del credito con focus sulla qualità è ciò che produce valore per l'investitore"

Fondi reddito fisso, Marsh (T. Rowe Price): "Accurata selezione del credito con focus sulla qualità è ciò che produce valore per l'investitore"
Stephan Marsh, immagine concessa (T. Rowe Price)

In T. Rowe Price, Stephen Marsh è uno degli specialisti della divisione Fixed Income e conosce bene le strategie ad alto rendimento dell'ente di gestione. Tra i molteplici approcci che la casa d'investimento offre, lo specialista evidenzia il T. Rowe Price Global High Income Bond Fund. Il prodotto è stato creato per soddisfare le nuove esigenze degli investitori in seguito all'evoluzione del mercato globale delle emissioni ad alto rendimento nel post-grande crisi finanziaria. In particolare, dice Stephen Marsh, per rispondere "alla crescita del peso nell'ultimo decennio delle emissioni delle aziende europee, in un mercato che in precedenza era molto più incentrato sugli Stati Uniti". È il fratello minore di oltre 15 anni del famoso prodotto T. Rowe Price Global HY Bond Fund, che vanta il Marchio FundsPeople 2021 con rating C Consistente. Proprio per questo motivo, il primo finisce per avere poco più della metà del portafoglio assegnato alle emissioni nordamericane e un peso rilevante di quelle dei mercati emergenti, mentre il secondo supera il 70% di emissioni di società statunitensi.

Una qualità più alta non significa meno opportunità

Ma come differiscono i mercati? "I mercati europei, statunitensi ed emergenti hanno pesi settoriali molto distinti, così come una diversa distribuzione delle emissioni per rating di credito. Gli Stati Uniti sono molto più concentrati sull'energia, per esempio, e, per questo motivo, hanno tipicamente una qualità inferiore e una maggiore volatilità. Naturalmente, quando abbiamo la stessa volatilità per valutazioni simili, aumentiamo il nostro bias verso l'Europa e i mercati emergenti", dice.

Inoltre, secondo il gestore, una maggiore qualità non significa minori opportunità, ed è qui che si cementa il grande argomento della gestione attiva in questo universo. "Un'accurata selezione bottom-up dei titoli da incorporare nel portafoglio, guardando attraverso l'intero spettro della qualità del credito, è ciò che produce il miglior valore per l'investitore", afferma Stephen Marsh. Per l'esperto, i team locali che lavorano a stretto contatto con il management delle aziende fanno la differenza. “Ogni regione del mondo è unica. Perciò risulta indispensabile sapere cosa stanno facendo in termini di rigenerazione dei bilanci, miglioramento delle metriche di credito o sanno quali sono i venti favorevoli e quelli contrari che impattano il business".  

La pandemia e i fallen angels

"Come risposta alla pandemia, abbiamo visto molte aziende che hanno drammaticamente rafforzato i loro bilanci. Abbiamo anche visto una quantità massiccia di fallen angels, aziende che sono state costrette a causa della crisi a entrare nel mercato dell'high yield. Il 27% del mercato è a una tacca o due dal tornare all'investment grade", dice Stephen Marsh. Per il professionista di T. Rowe Price, questa istantanea del mercato rappresenta una chiara opportunità, soprattutto quando i team di gestione hanno le risorse per distinguere gli angeli caduti dalle stelle cadenti.

Ma la grande opportunità del momento, che lo specialista evidenzia, è quella porzione di portafoglio che è allocata ai mercati emergenti. "Se facciamo uno zoom, stiamo parlando dei mercati asiatici. E zoomando ancor di più, è in Cina che vediamo la più grande opportunità", precisa.

Negli ultimi anni, la sovra/sottoesposizione a questo mercato si è dimostrata molto dinamica. "All'apice della pandemia abbiamo destinato molto capitale alla Cina nei segmenti di qualità superiore. Il Paese era sempre avanti rispetto agli altri mercati. In primo luogo perché il COVID è scoppiato per prima lì, ma anche, in virtù del regime politico, il Paese è riuscito ad attuare i contenimenti in modo più rapido ed efficace. Quando abbiamo registrato il pesante sell-off sui mercati, la Cina non è stata penalizzata così tanto", spiega. "Quando la volatilità ha iniziato a salire e successivamente ha avuto un picco durante il 2021, siamo stati significativamente sottopesati negli emittenti cinesi e nei nomi immobiliari cinesi, il che ha aiutato la performance relativa nelle strategie HY", aggiunge.

In seguito, come racconta Stephen Marsh, abbiamo assistito ad una grande ondata di nuove emissioni, da parte di società che cercavano di rafforzare i loro bilanci, in particolare negli Stati Uniti. "A questo punto, abbiamo investito in alcune imprese che sono state più colpite dalla pandemia, che conoscevamo molto bene e che avevano bisogno di capitale per rafforzare i bilanci. Imprese che credevamo potessero sopravvivere a due o più anni di stress significativo. In questa fase eravamo sottopesati in Cina", spiega.

Stress a breve termine, opportunità a medio termine

Nel frattempo, sono scoppiati i problemi intorno al settore immobiliare in Cina. "Evergrande non ha colto di sorpresa i nostri dirigenti. Era già un'azienda molto povera in termini di fondamentali e di bilancio. Questo non è cambiato. Ciò che è cambiato è la legislazione sul settore, che sta causando stress a breve termine, ma che ha influenzato positivamente e in modo salutare le prospettive del settore a medio termine", dice Stephen Marsh che sottolinea inoltre che il team ha identificato fantastiche opportunità di investimento, i cui "problemi di debito stanno prezzando delle probabilità di default irrealistiche". Come ci dice lo specialista, nel settore immobiliare cinese, abbiamo trovato le emissioni BB o B scambiate con spread di 1.200 o 1.800 punti base, rispettivamente. "Opportunità molto buone. Tuttavia, come ho detto prima, è molto importante essere estremamente cauti e selettivi nella scelta delle attività da incorporare nel portafoglio", avverte.