SEC vc DWS: un'indagine che potrebbe avere ripercussioni sull'intera industria del gestito

Detlef Glow News
Detlef Glow, immagine concessa (Refinitiv)

L’articolo pubblicato lo scorso agosto dal Wall Street Journal sull'indagine della SEC su una possibile esagerazione degli sforzi per integrare i criteri ESG da parte del gestore di fondi tedesco DWS ha spaventato molti operatori del settore. “Questo perché il caso potrebbe avere implicazioni per tutta l’industria dell’asset management che non sono immediatamente ovvie”, ha spiegato recentemente Detlef Glow, responsabile della ricerca EMEA di Refinitiv.

Per tornare alla cronaca, l'indagine del regolatore USA si basa sulle affermazioni dell'ex capo della sostenibilità di DWS, che in un'intervista al giornale statunitense ha sostenuto che l'entità tedesca esagera sull’utilizzo dei criteri di investimento sostenibile. Accuse che sono state immediatamente respinte dall'azienda in un comunicato.

ONDA D’URTO SUL SETTORE

"Finora non ci sono prove che queste affermazioni siano corrette, e si deve presumere che tutti i sospettati siano innocenti fino a quando non ci saranno prove formali di colpevolezza", afferma Glow. Tuttavia, spiega l’esperto di Refinitiv quest’indagine potrebbe sprigionare un'onda d'urto nel il settore, in quanto potrebbe implicare che DWS stia utilizzando gli stessi metodi per determinare le sue attività legate all'ESG di altri gestori patrimoniali.

"Ciò significa che l'esito di questa causa avrebbe conseguenze per tutti gli altri gestori patrimoniali che hanno fondi ESG registrati per la vendita negli Stati Uniti", dice.

Inoltre, questa indagine potrebbe diventare una pietra miliare per altri regolatori di mercato che potrebbero lanciare le proprie indagini su informazioni fuorvianti o sull'integrazione dei criteri ESG nelle pratiche di gestione del portafoglio. "Tali indagini solleverebbero preoccupazioni tra i gestori patrimoniali di tutto il mondo, che spesso cercano di rendere le loro politiche ESG conformi a definizioni che sono spesso vaghe, contraddittorie o semplicemente inesistenti", afferma Glow.

IL GREENWASHING DOVREBBE ESSERE PENALIZZATO, MA...

"Sono pienamente d'accordo che il greenwashing dovrebbe essere penalizzato", insiste il responsabile ricerca. "Questo è particolarmente vero per i gestori patrimoniali che affermano nel loro materiale di marketing che potrebbero usare criteri ESG, ma non integrano i rispettivi criteri e dati come filtri obbligatori e informazioni aggiuntive nel loro processo di selezione dei titoli e di gestione del portafoglio", continua.

"Non fraintendetemi: la mancanza di definizione non è una scusa per il greenwashing", avverte, invitando a rivolgere uno sguardo più da vicino a questo problema “Poiché non esiste una definizione di sostenibilità per gli investimenti e non esistono standard per l'uso e l'applicazione dei dati ESG nei processi di gestione del portafoglio. I gestori patrimoniali hanno sviluppato le proprie definizioni e standard che utilizzano nei loro processi e questo può spiegare perché alcuni gestori patrimoniali usano criteri ESG più fragili di altri", dice.

CONCLUSIONE

Secondo l’esperto gli investitori dovrebbero tenere a mente che anche una descrizione molto dettagliata dell'integrazione ESG è solo uno schema, e dovrebbero valutare se questo schema e i criteri definiti siano seriamente presi in considerazione nella selezione dei titoli.

"Per quanto riguarda gli standard e le definizioni mancanti, non è sorprendente che assistiamo a una vasta gamma di approcci all'investimento sostenibile", insiste il ricercatore. Di conseguenza "non dovrebbe sorprendere che alcuni gestori utilizzino pratiche più sofisticate per l'integrazione dei dati ESG rispetto ad altri, e vengano considerati come sostenibili da un gran numero di investitori e dal mercato", conclude.