Gaurav Chatley (M&G investments): “Nell’universo BBB c’è un’ampia dispersione e questo presenta sempre delle opportunità”

Gaurav Chatley, notizia
Gaurav Chatley, immagine concessa: M&G Investments

Dieci anni dal lancio dell’M&G European Credit Investment Fund. Il gestore Gaurav Chatley sin dal 2011 è alla guida di questo fondo con Marchio FundsPeople, rating C (Consistente) nel 2021. Abbiamo parlato con lui della sua esperienza in questo decennio passato alla guida di un portafoglio di obbligazioni societarie come questo, che si rivolge esclusivamente ai clienti istituzionali.

Il gestore mette in chiaro, come prima cosa, che la filosofia del fondo oggi rimane la stessa di dieci anni fa. “La cosa più importante è che non prevediamo il futuro, facciamo solo investimenti in stile value con un processo bottom-up per la selezione dei titoli”, dice. Tuttavia, evidenzia un importante cambiamento che il suo processo di selezione ha subito in questo decennio: l’inclusione del fattore ESG. “Ciò che è cambiato è che le domande che gli analisti fanno ora prendono in considerazione il rischio ESG, perché è stato dimostrato che è un tipo di rischio che ha sempre più impatto sul valore di un’azienda e che il mercato sta guardando” commenta il gestore.

disciplina nel processo di investimento

In particolare, sottolinea tre caratteristiche che definiscono il suo processo d’investimento: lo stile value, una visione a lungo termine e una gestione pragmatica del rischio. E tutto questo con una massima di fondo: la disciplina. “L’importante è stare lontano da episodi potenzialmente problematici e approfittare delle opportunità lasciate dall’allargamento degli spread”.

Come per molti asset, questi spread sono saliti con la crisi COVID-19, come si vede nel grafico qui sotto. Ma il forte rally degli ultimi mesi ha ridotto i premi, limitando l’attrattiva di molte emissioni. Questo non vuol dire che non ci siano ancora opportunità nel mercato del credito europeo. “Nell’universo BBB c’è un’ampia dispersione e questo presenta sempre delle opportunità” spiega Chatley. Ce ne sono ancora molte, ma non così tante come a marzo. Oltre a questo il debito tripla B mette in evidenza anche le opzioni nei cosiddetti fallen angel e anche nelle questioni in relazioni alle aziende in cui il mercato ha aumentato la sua incertezza. Ma naturalmente, la selezione oggi è più importante che mai.

l’impatto delle banche centrali sulle valutazioni

Se nel processo di investimento il grande cambiamento negli ultimi anni è stato l’inclusione del fattore ESG, in termini di mercato, il manager sottolinea come sia cambiato il ruolo delle banche centrali. “Le banche centrali hanno avuto un grande effetto sulle valutazioni. Per esempio, c’è un premio su questi istituti in termini di obbligazioni che vengono considerate dalla BCE, ma bisogna anche guardare le valutazioni basate sui loro fondamentali”, dice il gestore.

Il portafoglio del fondo è attualmente investito principalmente in debito BBB e anche in emissioni con rating A. Guardando ai settori, quello finanziario ha il peso maggiore nel portafoglio, con il 38% e gli industriali con il 47%. “La tendenza negli ultimi mesi è stata quella di gestire il rischio di duration nel portafoglio vendendo emissioni a lungo termine e, in alcuni casi, acquistando più emissioni a breve termine e di alta qualità”, dice. Dopo tutto, ci sono diversi rischi per il portafoglio in particolare e il mercato obbligazionario in generale. Il manager ne evidenzia due: il ruolo delle banche centrali e l’inflazione. “Penso che siamo in un momento senza precedenti in termini di politica delle banche centrali, perché gran parte del rialzo negli ultimi anni è stato guidato da queste ultime. E oggi l’inflazione è la loro kryptonite”, conclude.